Ferrari, Sainz provoca Charles Leclerc: fan inferociti

Il figlio del Matador, Carlos Sainz, ha risposto per le rime a chi lo accusava di un comportamento scorretto a Silverstone. Come reagirà Leclerc?

Le polemiche sono tutt’altro che scemate dopo quanto accaduto nei giri finali di Silverstone. I tifosi e le principali testate si sono schierate compatte contro le decisioni del muretto box Ferrari. L’errore è stato clamoroso e il dopo gara con un Binotto scatenato, tra dichiarazioni fuori luogo e un dito puntato in faccia al monegasco, non ha calmato gli animi. La Scuderia ha preferito, senza tanti giri di parole, una vittoria di tappa, la prima della carriera, di Sainz piuttosto che mettere in condizioni Leclerc di accorciare su Max Verstappen, puntando a qualcosa di più di un trionfo a casa loro.

Sainz Leclerc (Ansa Foto)
Sainz Leclerc (Ansa Foto)

Il risultato che si è materializzato in Inghilterra è stato un quarto posto che ha portato il monegasco a rosicchiare solo sei punti al campione del mondo in carica. Max Verstappen ha chiuso settimo, mentre Charles Leclerc al quarto posto, quando avrebbe strameritato di vincere. Il back to back darà al Principe di Monaco la possibilità di riscattarsi subito, in un altro territorio amico della Red Bull Racing. Quello della Stiria è un tracciato che ha sempre favorito l’efficienza delle vetture progettate da Adrian Newey. La RB18 dopo aver, con molta sfortuna, mancato il successo a Silverstone, vuole rifarsi per il doppio appuntamento austriaco.

Il weekend, infatti, prevede una doppia sfida. Ecco gli orari, non perdetevi neanche una sessione! Sabato è prevista la seconda gara sprint dell’anno, mentre la domenica, sul circuito da alte velocità, i piloti si sfideranno per l’undicesimo round della stagione. La Ferrari punterà tutto sulla trazione e sulla vena di Charles in qualifica. L’adattabilità della F1-75 si è dimostrata elevatissima e il team modenese avrebbe potuto conquistare almeno il doppio dei 3 GP che si è portato a casa. In dieci appuntamenti, la Red Bull Racing ne ha vinti sette. La Mercedes, intanto, con ulteriori sviluppi spera di fare da terza incomoda anche in Austria.

La pista a Zeltweg, dove l’A1 Ring di proprietà della Red Bull ospita il Gran Premio d’Austria, sarà una tappa fondamentale anche per Carlos Sainz. Dopo aver sfatato il tabù con la sua prima pole e vittoria, lo spagnolo vuole confermarsi al vertice. Il mondiale è arrivato al giro di boa, tra i due ferraristi vi sono solo 11 punti. Gli ultimi accadimenti hanno avvicinato il madrileno e se CL16 si può considerarsi in lotta per il mondiale, ciò vale anche per il ventisettenne. La Red Bull parte con i favori del pronostico, ma Sainz è insaziabile e non lotta per il secondo posto. I tifosi temono che sia l’inizio della fine, con un nuovo scontro, in stile Brasile 2019, come accadde tra Vettel e Leclerc. A Spielberg torna anche la Sprint Race del sabato, 100 km che chiarificheranno le posizioni dei due alfieri della Scuderia.

La provocazione di Sainz

Appena arrivato in Austria, lo spagnolo ha dichiarato: “La Ferrari ha vinto e io ho vinto quindi non è stata una decisione sbagliata”. Un pensiero abbastanza chiaro che, certo, non avrà fatto fare i salti di gioia a Leclerc. L’unico pregiudicato dalla situazione avvenuta a Silverstone, infatti, è lui e non è la prima volta che tutto ciò si materializza. “È vero che Charles è stato lasciato in una situazione di compromesso, ma in cambio ha permesso alla Ferrari di avere una posizione chiara per vincere la gara, che è il primo obiettivo”, ha rincarato la dose Sainz, come riportano le colonne di Marca.

Il madrileno ha poi giustificato la frase “smettila di inventare”, nel momento in cui gli era stato chiesto di lasciare una distanza di dieci auto tra lui e il monegasco. “Avevo mescole nuove, è stato molto facile per me superare Charles e penso che la squadra abbia capito la mia risposta e le mie argomentazioni”, ha tagliato corto lo spagnolo. Nel team, intanto, hanno cercato di stemperare ogni tipo di controversia, ma il clima appare teso. Leclerc si è confrontato in pista con tanti suoi colleghi che sono rimasti spiazzati da quanto avvenuto nel finale di gara si Silverstone. Ecco la reazione di Max Verstappen. Una doppietta sfuggita alla Ferrari in quel modo ha richiamato l’attenzione sugli obiettivi della Rossa. Quell’1-2, certamente, non sarebbe sfuggito alla Red Bull Racing con una cooperazione migliore tra Max e Sergio.

Carlos, infine, ha assicurato che il briefing è stato breve “perché è stato prima della foto di famiglia e Charles ha avuto il controllo antidoping ed è stato come sempre, tra gentiluomini. L’incontro è stato normale, come dovrebbe essere, sia dopo una gara normale che dopo una gara meno normale. Se qualcosa ci caratterizza in Ferrari è lo spirito di squadra, il rispetto tra colleghi e tutte le questioni sono sotto controllo”. Per Carlos, poi, è cominciata la festa a Maranello. “Sono stato fortunato che quando sono arrivato a Maranello, due miei amici erano lì a godersi un giro in una tre posti a Fiorano ed è stata una coincidenza, perché non c’erano mai stati e abbiamo fatto diversi festeggiamenti insieme”, ha rivelato lo spagnolo.