Mercedes, Hamilton potrebbe dominare le prossime gare? Ferrari avvisata

Il pilota della Mercedes, Lewis Hamilton, è riuscito a ottenere un bel record in Inghilterra ed è molto soddisfatto dei progressi della sua Mercedes.

Lewis Hamilton ha vissuto un weekend da protagonista, sotto lo sguardo vigile della sua famiglia e di Tom Cruise, ospite d’eccezione. Dopo una super prima partenza, dove era riuscito a superare diverse vetture, il #44 è stato meno brillante nel secondo start, ma ha subito dettato un ritmo indiavolato. Dopo tante sofferenze con il porpoising, l’auto ad effetto suolo teutonica sull’asfalto di Silverstone, è andata come un fulmine.

Lewis Hamilton (Ansa Foto)
Lewis Hamilton (Ansa Foto)

Il weekend di George Russell non è valutabile, considerato l’incidente alla prima curva che ha coinvolto anche Pierre Gasly dell’AlphaTauri e Zhou dell’Alfa Romeo Racing. Per fortuna non vi sono state conseguenze fisiche per i piloti coinvolti. Il nativo di King’s Lynn ha dovuto dire addio alla sua ottima striscia di risultati positivi in top 5, dovendo alzare bandiera bianca per la prima volta in stagione. Le scelte del sette volte campione del mondo della Mercedes, invece, sono state indovinate. Il #44 ha approfittato del problema di Max Verstappen, nelle prime battute, per portarsi in terza posizione e ha iniziato a martellare a suo modo per recuperare sul duo ferrarista.

Le indecisioni del team di Maranello in merito alle gerarchie hanno favorito il recupero di Hamilton che ha iniziato a sentire odore di grande impresa. L’anglocaraibico è stato bravo a gestire le mescole per tantissimi giri e dopo il pit stop si è rimesso all’inseguimento delle Rosse con una gomma più fresca. Senza Safety Car avrebbe avuto un grande vantaggio nel finale di gara, ma la Safety Car ha stravolto tutto. L’avaria tecnica all’Alpine di Esteban Ocon ha permesso al #44 di passare alle mescole soft per gli accesissimi ultimi giri finali della corsa. Il GP d’Inghilterra si è trasformata in una gara sprint. Hamilton non ha potuto nulla contro la RB18 di Sergio Perez, ma ha recuperato la terza posizione, superando dopo una lotta meravigliosa Charles Leclerc.

La differenza di mescola con il monegasco sulle hard usurate è risultata determinante. La condotta di gara del nativo di Stevenage è stata perfetta, ricordando i vecchi tempi dell’hammer time. Le curve velocissime della pista storica inglese hanno aiutato non poco Lewis, dimostrando tutti i miglioramenti della vettura. Gli sviluppi hanno dato le risposte che a Brackley cercavano da tempo. La classifica costruttori vede la Mercedes a 61 punti dalla Ferrari. Sempre prima la Red Bull Racing a 328 punti, davanti alla Scuderia a 265. La classifica piloti vede Max Verstappen a quota 181, Sergio Perez a 147 e Charles Leclerc a 138. Sainz si è portato a soli 11 punti da Leclerc, avendo ottenuto due podi in più. George Russell, al primo zero stagionale, ha visto accorciarsi il suo distacco a 18 punti sul sette volte campione del mondo, Lewis Hamilton.

L’euforia di Lewis Hamilton

Il pilota anglocaraibico inizia a credere in una clamorosa rimonta e nella possibilità di lottare, stabilmente, per il podio. In questa prima parte di stagione Lewis ha riscontrato tante difficoltà, anche nella lotta interna con il nativo di King’s Lynn. George Russell si è dimostrato un giovane con le idee chiare e un piede pesantissimo. Lewis si è lamentato tantissimo nelle prime uscite. Per la prima volta in 298 GP, l’anglocaraibico è rimasto a secco di vittorie per 11 GP di fila. Non ha ottenuto il record di nove vittorie sul tracciato inglese, ma almeno ha colto un podio importante che fa morale. La Mercedes ora copierà la Red Bull Racing? Ecco che hanno in mente a Brackley.

Oltre al terzo posto, Lewis si è portato a casa anche il giro più veloce di giornata. Dopo la gara, Hamilton ha parlato con i media, dimostrandosi euforico. “Penso sia molto incoraggiante che fossimo in lotta. Sono stato allo stesso ritmo della Ferrari per molto tempo e a volte sono stato anche più veloce. Con l’aggiornamento il passo di gara è decisamente migliorato”, ha sancito Lewis, come riportato dal magazine GPBlog. Il problema principale della Mercedes è legato all’effetto porpoising che ha limitato la W13.

Il porpoising si traduce in uno stallo aerodinamico, causato dalla crescita costante del carico aerodinamico sull’alettone anteriore. Quando il main plane si avvicina all’asfalto l’effetto suolo aumenta la sua efficacia, con l’aria che si incanala in modo repentino. Tra la superficie superiore e quella inferiore c’è grande differenza di pressione, che causa una perdita di carico aerodinamico piuttosto rapido. Tutto ciò spiega il motivo per cui la monoposto saltella su e giù ad alta velocità sul dritto, creando anche problemi fisici ai piloti.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Hamilton, in occasione del suo GP di casa, ha condannato i suoi tifosi: il gesto che ha spiazzato tutti. La pista di Silverstone non presentava dossi, come spesso accade sui cittadini. Hamilton ha avuto un passo gara impressionante a livello dei ferraristi. Va detto che Charles aveva anche dei danni alla sua vettura, ma in ogni caso la Mercedes si sta avvicinando alla Rossa, in modo sempre più minaccioso. L’ultimo pacchetto di aggiornamenti ha, certamente, aiutato e la wing car sembra, magicamente, risorta. “Ci ha aiutato ad avvicinarci. Non siamo ancora nella posizione di vincere, ma non siamo lontani”, ha tuonato Lewis Hamilton.