Alonso, in programma l’annuncio tanto atteso: conto alla rovescia

Il pilota asturiano, Fernando Alonso, è stato autore di una bellissima prestazione in Inghilterra. Il bicampione dell’Alpine ha preso la sua decisione.

Si è rivisto un Fernando Alonso in grande spolvero a Silverstone, rinvigorito da una Alpine che ha mostrato degli ottimi sviluppi. La squadra francese è in lotta per la quarta posizione con la McLaren motorizzata Mercedes. Per Il team transalpino è diventato l’unico reale obiettivo stagionale, dopo aver sbagliato il progetto wing car. La A522 non è l’auto top che lo spagnolo si aspettava. Il famoso “plan” è già fallito, considerati i soli 28 punti racimolati in dieci Gran Premi.

Fernando Alonso (Ansa Foto)
Fernando Alonso (Ansa Foto)

Il bicampione, dopo svariate esperienze in altre categoria del Motorsport, ha scelto di tornare in F1 nel 2021, in attesa del cambio regolamentare. Lo scorso anno l’Alpine era un’auto da metà classifica, ma con lampi importanti. Su alcuni tracciati la A521 è stata in grado di giocarsi dei podi, conquistando persino una vittoria in Ungheria con Esteban Ocon, anche grazie ad un lavoro sporco dell’asturiano. Lo scorso anno Alonso era riuscito ad ottenere una brillante terza posizione in Qatar, ma quest’anno un piazzamento sul podio sembra, decisamente, improbabile. Il miglior risultato per Fernando è arrivato proprio in Inghilterra, in occasione di una gara pazza, ricca di colpi di scena.

In certe situazioni emerge il talento dello spagnolo che con un’auto competitiva potrebbe ancora dire la sua. Alo credeva nella squadra che lo aveva portato sul tetto del mondo nel 2005 e nel 2006. L’Alpine ha investito tanto tempo e tante risorse nella progettazione dell’auto ad effetto suolo, ma il mezzo non è all’altezza del talento dell’ex pilota di Ferrari e McLaren. La squadra francese avrebbe dovuto lottare con gli altri top team per podi e vittorie, ma il tonfo è stato pesante. Fernando non ha nascosto la delusione negli scorsi appuntamenti, ma ora si sta rimboccando le maniche per ottenere il massimo risultato possibile.

A fine luglio Alonso compirà 41 anni ed è consapevole che potrebbe continuare a correre in F1 per il piacere di partecipare, ma le opportunità di vincere la sua terza corona sono pari a zero. La squadra, naturalmente, ha bisogno di un elemento come Alonso, sempre capace di tirare fuori il potenziale massimo da ogni situazione. Il campione di Oviedo è diventato l’uomo simbolo del brand francese dopo i successi iridati nella sfida a Schumacher. Era un’altra epoca, c’era anche un certo Flavio Briatore che aveva fiuto per gli affari e per i giovani fenomeni. Ora il team ha un’anima italiana, ma sembra nel caos più totale.

La scelta di Fernando Alonso

L’Alpine potrebbe anche pensare a lanciare nel circus, nella prossima stagione, Oscar Piastri. L’australiano ha conquistato nel 2021 il titolo in F2 e vorrebbe trovare posto nel team francese. Per il talento messo in mostra, Oscar potrebbe, tranquillamente, essere tra i migliori 20 driver al mondo, Fernando non è dello stesso avviso. Ocon è sicuro di un contratto pluriennale e l’asturiano ha espresso la volontà di non defilarsi. Alonso ha dichiarato in una recente intervista a Motorsport Nextgen che vuole “continuare a correre in Formula 1 per almeno altri due anni. Parlare durante le vacanze estive è stata una mia idea dall’inizio dell’anno. Da quando sono tornato, mi diverto il mio tempo sempre più in Formula 1 e continuare per almeno altri due anni è quello che penso al momento. Non ne ho parlato con il team, ma spero che si possa raggiungere rapidamente un accordo e risolvere la questione”.

Concetti chiarissimi che Szafnauer, team principal dell’Alpine, ha colto al volo. A Silverstone l’ex manager della Aston Martin ha dichiarato: “Beh, è ​​buono a sapersi e grazie per avermi detto che sono trascorsi due anni. Da questo momento in poi parlerò con lui. Non abbiamo ancora iniziato a parlare in dettaglio con Fernando. Ma sai, ora che sono passati due anni, ne sono sicuro. Lo faremo subito dopo la pausa”. Ad agosto potrebbe arrivare il tanto atteso annuncio. Dopo il GP d’Ungheria il circus si fermerà per tre settimane. Il mondiale ricomincerà il 25 agosto con il GP del Belgio a Spa, uno dei tracciati più iconici del calendario. Ecco gli orari del prossimo GP al Red Bull Ring.

Piastri a quel punto rimarrebbe chiuso e potrebbe passare in Williams, al posto di Latifi. L’australiano non prenderà parte alle Prove Libere del GP di Francia con l’Alpine, come si era vociferato. Otmar Szafnauer ha dichiarato: “Per quanto riguarda le prove libere in Francia, questo non è il piano. Oscar correrà per noi nelle prove libere, ma sarà dopo la pausa. E per quanto riguarda un posto alla Williams, penso sia meglio chiedere a Jost (Capito). È fantastico che altri team siano interessati a uno dei nostri giovani piloti. Dimostra solo che ha il potenziale di cui siamo consapevoli“. Piastri potrebbe prendere il posto del canadese a partire dal 2023, lasciando chiudere l’annata in Williams a Latifi.