F1, incidente spaventoso a Silverstone: auto capottata (VIDEO)

Il Gran Premio di Silverstone di F1 è iniziato con il cappottamento di un Alfa Romeo. Un contatto subito dopo il via ha scatenato una carambola terribile tra più piloti.

La prima sorpresa della gara di Silverstone è stata la scelta della gomma soft di Max Verstappen nel confronto diretto con tutti gli altri driver di Ferrari e Red Bull Racing sulle medie. L’olandese ha scelto di essere aggressivo sin dalle prime curve. Tutti gli occhi erano puntati sulla prima fila dove Max ha sfilato senza patemi Carlos Sainz, conquistando la prima posizione. Nelle retrovie si è vista una monoposto ad effetto suolo volare, letteralmente, cappottata.

F1 (ANSA)
F1 (ANSA)

Coinvolti George Russell sulla Mercedes che partiva con le gomme dure, Zhou Guanyu sull’Alfa Romeo Racing, Esteban Ocon sull’Alpine e Alexander Albon sulla Williams e l’AlphaTauri di Yuki Tsunoda, oltre quella di Gasly che si è ritrovato a sandwich tra Zhou e Russell. Gara sospesa, immediatamente, con gomma rossa a causa della gravità del crash. La vettura del cinese si è cappottata, colpita dalla W13. La toccata è avvenuta ad una velocità supersonica. Nel momento in cui è avvenuto il contatto i piloti F1 si trovavano sul rettilineo. L’inglese del team teutonico, ha chiuso la traiettoria in modo del tutto forzato.

L’incolpevole Zhou si è visto arrivare nel fianco la Mercedes a tutta velocità. Russell aveva prima preso un ottimista Gasly, forse non guardando negli specchietti. Il pilota francese ha provato ad infilarsi tra i due driver, ma è stato troppo fiducioso. La carambola è impressionante come vedrete nelle immagini. Alle spalle Sebastian Vettel si è trovato di fronte Albon che ha frenato all’improvviso per evitare l’incidente che si stava sviluppando attorno a lui e lo ha quindi speronato. Albon si è girato e Vettel ha avuto danno all’ala anteriore. Nel caos sono rimasti colpiti anche Ocon e Tsunoda.

F1, ancora una volta un rischio enorme

Non è la prima volta che assistiamo ad incidenti spaventosi con le auto ad effetto suolo. Le vetture una volta che perdono aderenza con il canale Venturi prendono il volo e possono prendere il volo. Albon e Zhou sono stati trasportati in ospedale, ma per fortuna in perfette condizioni e coscienti. Un grosso spaventa alla prima curva. Il rollbar dell’Alfa si è completamente distrutto. Senza halo sarebbe andata a finire male. Ancora una volta San Halo ha salvato la vita ad un pilota. L’immagine è terribile con l’auto che si appiattisce al suolo tra mille scintille.

L’halo è risultato determinante con la testa del pilota che rimane sotto ad una velocità supersonica. L’auto si è poi schiantata contro le barriere, saltando le gomme. Per fortuna sono arrivati messaggi rassicuranti. I piloti si sono riallineati dopo una lunga pausa per eliminare i detriti delle auto coinvolte. Russell ha parlato di essere stato risucchiato dal gruppo a causa di una partenza lentissima con gomma hard, ma è stato lui a stringere la traiettoria e provocare la toccata del francese. Un crash evitabile con una maggiore attenzioni dei piloti protagonisti della carambola che avrebbe potuto portare a conseguenze gravissime.

In caso di partenza rallentata il pilota deve rendersi conto delle auto con più velocità che possono sopraggiungere. L’errore è stato chiudere troppo la traiettoria come se Gasly non ci fosse. La frittata è stata fatta e per fortuna i piloti non hanno avuto conseguenze fisiche, ma è stato un mezzo miracolo. Poteva finire malissimo. Il crash ha ricordato l’incidente in partenza di Singapore 2017 con un errore di valutazione del pilota che stringe. Ovviamente in quel caso le conseguenze furono meno drammatiche. Per la Rossa fu, però, l’addio ai sogni di gloria mondiali.