Marquez, Alzamora e l’ammissione sull’operazione: fan col fiato sospeso

Alzamora, manager e amico di Marquez, si è espresso a proposito dell’ultima operazione all’omero destro fatta dal pilota della Honda.

Non c’è certezza sulla data del rientro di Marc Marquez in MotoGP, ma non è esclusa la possibilità di rivederlo in sella prima della fine del campionato 2022. I tempi di recupero non verranno forzati, però filtra ottimismo.

Marc Marquez (Foto LaPresse)
Marc Marquez (Foto LaPresse)

Alberto Puig in persona si è detto fiducioso di poter riaccogliere il pilota nel box prima del termine della stagione. Una cosa che sarebbe molto importante anche per indirizzare lo sviluppo della RC213V del 2023. La moto di quest’anno non è esattamente un progetto riuscito e i feedback dell’otto volte campione del mondo sono fondamentali.

Dopo il quarto intervento all’omero destro, quello fratturato a Jerez nel 2020, ha dovuto riposarsi un po’ e solo di recente ha ripreso gli allenamenti. Ovviamente deve prestare attenzione, però è determinato a risalire sulla sua moto nei prossimi mesi e farà il possibile per riuscirci.

MotoGP, Alzamora sull’operazione di Marquez

Emilio Alzamora è stato interpellato da Catalunya Radio a proposito dell’intervento fatto da Marquez e si è così espresso sull’argomento: “Sta riposando dopo l’ultima operazione, i dottori sono molto contenti del risultato. L’obiettivo di porre fine all’eccessiva rotazione dell’omero è stato raggiunto. Questa operazione è senza dubbio definitiva, nel bene e nel male”.

Il manager di Marc ha ammesso che questo intervento è la soluzione finale per permettere al pilota di tornare a guidare come nel periodo pre-infortunio: “Sta mettendo tutti i suoi sforzi per riuscire a guidare al 100% e raggiungere l’obiettivo di tornare a lottare per il Mondiale, ma con quel problema era irrealizzabile. Tempi di recupero? Decidono lui e i dottori. Appena Marc si sentirà sicuro di poter risalire sulla Honda, allora sarà il momento”.

Il pilota della Honda è molto determinato e tornare il punto di riferimento della MotoGP, vuole essere ancora il numero 1. Alzamora aggiunge: “È stato un periodo complicato, ma lui ci ha sorpreso con la sua forza mentale e la sua fiducia nell’uscire da questa situazione. L’infortunio ha richiesto più tempo del previsto. Honda sta lavorando per risolvere i problemi della moto, vogliono lottare per il Mondiale”.

C’è unità di intenti nel team HRC. La volontà è quella di tornare a battagliare per il titolo MotoGP e c’è ottimismo in tal senso. Se Marquez si rimette a posto fisicamente, sarà un problema per tutti. Chiaramente la casa di Tokio deve fare la sua parte realizzando una RC213V all’altezza.