Leclerc già carica i tifosi Ferrari: sentite la sua previsione sul weekend

Charles Leclerc ha chiuso in quinta posizione il venerdì di prove libere del Gran Premio di Gran Bretagna. Ecco le sue prime sensazioni.

Il week-end del Gran Premio di Gran Bretagna sta entrando nel vivo, con le qualifiche che si disputeranno tra poche ore. Carlos Sainz e la Ferrari hanno chiuso davanti a tutti il venerdì di prove libere, con lo spagnolo che ha girato in 1’28”942 con gomma Soft, precedendo di un decimo la McLaren di Lando Norris e la Mercedes di un redivivo Lewis Hamilton. Segue Max Verstappen con una Red Bull tutta da scoprire, mentre Charles Leclerc è quinto.

Leclerc (ANSA)
Leclerc (ANSA)

Il monegasco aveva messo in mostra un ritmo spaventoso con le gomme Medie, facendo una netta differenza sia con il compagno di squadra che con il campione del mondo. Tuttavia, con il compound più morbido portato dalla Pirelli, le C3 a banda rossa, qualcosa è andato storto, e Charles non ha fatto meglio di un 1’29”404 che lo ha relegato a quasi mezzo secondo da Sainz.

Ovviamente, da uno come Leclerc ci aspettiamo un gran risultato in qualifica, anche se il turno di prove ufficiali potrebbe disputarsi in condizioni avverse. La pioggia è infatti attesa come la grande protagonista, e con un’intensità decisamente superiore rispetto a quella che ha compromesso la prima sessione di prove libere.

Il passo gara è invece stato molto buono, ma Red Bull e Mercedes si sono dimostrate a livello della Ferrari. La Rossa non porta lo stesso carico di novità tecniche presentate dalle rivali, ma ha comunque alcuni affinamenti. In primis l’ala posteriore, che il monegasco aveva già usato in Canada e che ora è stata deliberata anche per la monoposto di Sainz.

Oltre a ciò c’è anche una nuova configurazione degli specchietti, in particolare per quanto riguarda il supporto, che segue una filosofia già intrapresa dalla Red Bull. La Scuderia modenese resta fiduciosa nei propri mezzi ed ha deciso di non portare un pacchetto importante come fatto a Barcellona, sapendo che c’è ancora tanto potenziale da tirare fuori.

Leclerc, ecco il suo commento dopo le prove libere

Charles Leclerc ha ribadito più volte che ha bisogno di un week-end normale, cosa che non è più accaduta da dopo Miami. Tra problemi di affidabilità e rotture, il monegasco non sale sul podio proprio dalla tappa disputata in Florida, quando venne battuto da Max Verstappen e concluse secondo, al termine di un gran duello.

La Ferrari sa che non può permettersi un’altra sconfitta, che permetterebbe alla Red Bull ed al campione del mondo di ipotecare il mondiale. Al termine della giornata, Leclerc ha raccontato le proprie sensazioni, dimostrandosi molto fiducioso nel potenziale della sua Rossa sulla pista di Silverstone.

Abbiamo girato molto poco nelle prime prove libere a causa del maltempo, ma almeno siamo riusciti a completare qualche giro sulla pioggia per avere qualche informazione utile in queste condizioni difficili. Ci sono infatti probabilità che la qualifica sia bagnata, per cui è bene stare pronti“.

Il monegasco ha aggiunto: “Quando ha smesso di piovere abbiamo montato le gomme da asciutto, ma la bandiera rossa ha rovinato i nostri piani. Nelle seconde libere abbiamo avuto la possibilità di girare tanto con la pista asciutta e si vedeva che avevamo delle prestazioni ottime. Sono fiducioso nel fatto che saremo molto competitivi e sarà questione di mettere tutto insieme. Abbiamo una grande possibilità in questo fine settimana“.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Come al solito, Charles si è confermato un leone e non ha alcuna intenzione di mollare la preda. Nonostante le delusioni degli ultimi due mesi, il monegasco ha tutte le carte in regola per ribaltare la corsa mondiale, a patto che la Ferrari lo assista. Le qualifiche forniranno dei risultati interessanti e sarà fondamentale non commettere errori per partire davanti a tutti in gara.