La strada di Leclerc si complica: la sua Ferrari a rischio penalità

Il percorso di Leclerc verso il suo primo titolo iridato in F1 potrebbe subire una nuova battuta d’arresto. Spiegato il motivo.

La Ferrari ha già reso noto di voler aggiornare la power unit della F1-75 in occasione del weekend di Silverstone, ovvero il primo appuntamento della tranche europea del campionato prima della pausa estiva. Ciò significa che per Charles Leclerc, già alle prese con diverse sostituzioni, potrebbe avvicinarsi il momento della penalità in griglia.

Charles Leclerc, Ferrari (Ansa Foto)
Charles Leclerc, Ferrari (Ansa Foto)

Una situazione non ideale per lui che sembrava avere la leadership iridata in mano e invece per errori e problemi vari ora si trova a dover inseguire Verstappen.

Da questo gennaio lo sviluppo del motore ibrido è congelato, ciò significa che le scuderie possono intervenire soltanto sull’ICE, la MGU-H, gli scarichi, il carburante e l’olio purché omologati dalla Federazione Internazionale. Per quanto concerne la MGU-K, invece, ovvero quella parte dell’unità che consente la conservazione dell’energia in frenata, la batteria e gli elementi elettronici, potranno essere ritoccati solamente fino all’1 settembre prossimo.

 La Ferrari si aggiorna: cosa rischia Leclerc

Da quanto si apprende da La Gazzetta dello Sport, nel Regno Unito, a inizio luglio, il team di Maranello porterà delle novità riguardanti la componentistica elettrica così da accrescere prestazioni e stabilità. Ma visto che al Montmelo sulla vettura #16 si è verificato il cedimento di turbo e MGU-H, è piuttosto probabile che per il monegasco arrivi l’arretramento sullo schieramento. Nulla di tragico considerato che nel suo complesso l’auto portata dal Cavallino quest’anno può permettersi delle rimonte, tuttavia risalire il gruppo è sempre rischioso.

Ricordiamo che secondo l’articolo 28.2 del Regolamento Sportivo le squadre possono cambiare fino a tre PU nelle loro parti essenziali che abbiamo già citato senza ricorrere a punizioni. Due invece sono le chance per le batterie e le unità elettroniche di controllo. Otto infine per gli scarichi.

In caso di sostituzione si parte da uno slittamento di 10 posizioni, a cui possono essere aggiunte 5 piazze per ogni altro pezzo nuovo.