Papà Verstappen attacca ancora la Red Bull: aria di tempesta?

Jos Verstappen un po’ contrariato per l’epilogo del GP di Monaco: il padre di Max avrebbe preferito un risultato diverso della gara.

Sicuramente il Gran Premio di Monaco è andato meglio di come la Red Bull se lo aspettava dopo le Qualifiche, nelle quali la Ferrari aveva fatto doppietta. Sergio Perez ha vinto la gara e Max Verstappen col suo terzo posto ha guadagnato punti su Charles Leclerc, partito dalla pole position e poi quarto.

Jos Verstappen
Jos Verstappen, padre di Max (Foto LaPresse)

Il campione in carica della F1 ha 9 lunghezze di margine sul rivale ferrarista, ma deve comunque stare attento al suo compagno di squadra: sono solo 15 i punti di vantaggio dopo il weekend nel Principato. Il prossimo GP sarà in Azerbaigian, dove lo scorso anno l’olandese stava dominando ed è stato costretto al ritiro da un problema della gomma.

La pista di Baku presenta un lungo rettilineo che potrebbe esaltare la RB18, finora dimostratasi superiore alle concorrenti in termini di velocità massima. Ci si attende ancora grande lotta per la vittoria e sarà interessante vedere come andrà.

F1, Jos Verstappen amareggiato dopo il GP a Monaco

Jos Verstappen non si è detto esattamente entusiasta del terzo posto conquistato da Max a Monaco e ha spiegato il motivo: “Come padre sono rimasto deluso dalla gara. La terza posizione è stata molto deludente. La Red Bull ha ottenuto un buon risultato, ma ha fatto poco per aiutare Max a essere in testa. Non è stato aiutato dalla strategia scelta. È andata completamente a favore di Checo. Per me è stato deludente”.

Il padre del pilota olandese ritiene che la Red Bull abbia fatto scelte strategiche che hanno favorito Perez e non il figlio: “Penso siano stati buttati via dieci punti per Max. Considerando i due ritiri avuti, c’è bisogno di ogni punto. Non va scordato che la Ferrari ha la vettura migliore adesso”.

Jos Verstappen ricorda che, visti i ritiri in Bahrain e Australia, non bisogna perdere nessun punto perché la lotta per il titolo potrebbe essere serrata come lo scorso anno. È importante non sbagliare, cosa che invece hanno fatto in Ferrari con Leclerc a Monaco. La scuderia di Maranello ha i rimpianti maggiori per quanto successo nel Principato, mentre la Red Bull può essere decisamente soddisfatta. Ora appuntamento al 10-12 giugno per il Gran Premio dell’Azerbaigian a Baku.