Lutto terribile nel mondo delle moto: aveva solo 29 anni

Anche l’edizione 2022 del TT che si svolge all’isola di Man, non ha risparmiato uno dei suoi protagonisti. E’ morto un pilota di moto.

Si piange ancora sull’Isola di Man. La gara più temuta dai centauri in quanto estrema ha mostrato di nuovo il suo carattere più duro. L’inglese Mark Purslow se n’è andato mentre stava disputando le qualifiche.

Moto, Mark Purslow (TT Isola di Man Twitter)
Mark Purslow (TT Isola di Man Twitter)

“Vogliamo porgere le nostre condoglianze alla sua famiglia, ai suoi cari e agli amici”, il comunicato che annuncia il triste evento. “La corsa proseguirà con il suo ricordo“, prosegue confermando che, ancora una volta una vita spezzata non è sufficiente per dire stop.

Gallese di Llanon nel Ceredigion, Wales era alla sua terza tornata del quarto turno che sancisce l’ordine di partenza. Giunto all’altezza di Ballagarey ha perso il controllo della sua moto ed è caduta. Il tratto appena precedente, quello di Mountain Course lo aveva percorso ad un’andatura media di circa 195 km/h.

TT Isola di Mans: perché è la gara di moto più pericolosa al mondo

Il 29enne era alla sua seconda esperienza dopo aver preso aperte ai round delle classi Supersport e Lighweight nel 2017. Nel 2015 si mise in luce vincendo al debutto la Manx GP Lightweight e si fece notare pure nel Classic TT.

Non è comunque il primo crash severo che capita quest’anno. Il rider locale Dave Moffit, martedì scorso era stato elitrasportato all’ospedale di Liverpool dove si trova tutt’ora in condizioni gravi ma stabili. Anche lui impegnato nella qualifica, in questo caso nella categoria Supertwin, è caduto al Laurel Bank.

Esistente dal 1907, il Tourist Trophy si è fermato soltanto in occasione delle due Grandi Guerre e della pandemia di Covid nel 2020 e 2021. Alle sue spalle ha una lunga scia di scomparse, ben 250. La sua insidia principale riguarda il luogo in cui si corre, ovvero le strade di tutti i giorni, tra marciapiedi e tombini che possono rivelarsi fatali. Se dovessimo fare un paragone automobilistico  non possiamo non pensare alla Dakar, seppur quest’ultima si svolga nel deserto.