Lo storico TT dell’Isola di Man si rifà il look: ecco cosa cambia

A un anno dallo storico centenario, il TT prova a cambiare pelle, senza però scalfire il proprio fascino. Ecco cosa ci sarà di nuovo già da quest’anno.

La gara sull'Isola di Man (foto account ufficiale Facebook TT Races)
La gara sull’Isola di Man (foto account ufficiale Facebook TT Races)

Ci sono corse che hanno fatto la storia del motorsport. Tracciati che, seppur cambiati rispetto agli inizi, mantengono intatto il proprio fascino. Uno di questi è il celebre TT dell’Isola di Man, che in passato è stato anche nel calendario del Motomondiale, con successi mitici come quelli di Giacomo Agostini, che per il 2022 sembra voler darsi una “rinfrescata”.

TT Man, nuovo look

Gli organizzatori della corsa hanno confermato i piani per un “nuovo look” della corsa. La “revisione” è stata progettata per garantire la sostenibilità a lungo termine dello storico gran premio di Man, che celebrerà il suo centenario nel 2023.

In particolare il Manx GP sarà sempre più legato allo storico TT, con le gare Senior e Junior, rispettivamente per Supersport e Supertwin, che opereranno con specifiche simili (ma non identiche) a quelle viste al TT. Si punterà tanto sul Classic Manx Grand Prix, per far partecipare i migliori team del mondo, oltre ai principali concorrenti del TT.

“Gli ultimi sviluppi segnano un nuovo entusiasmante capitolo per questo evento”, ha affermato l’organizzazione. In particolare la durata dell’evento si ridurrà da quattordici giorni a nove giorni già nel 2022, a partire da domenica 21 agosto con il culmine che sarà nella giornata di lunedì 29 agosto. Questa riduzione, secondo gli organizzatori del TT, garantirà una copertura sufficiente per tutte le sessioni e le gare di qualificazione.

In pratica con questa mossa di ridurranno contempo il costo netto complessivo dell’evento per i contribuenti dell’Isola di Man, così come l’impatto delle chiusure stradali sui residenti e sulle imprese locali. Inoltre ci sarà una nuova gestione della sicurezza, più efficace rispetto a prima.

Spa-Francorchamps, le immagini dei lavori a Eau Rouge e Raidillon

Il Manx Motor Cycle Club manterrà la proprietà del marchio Manx Grand Prix e guiderà la parte amministrativa dell’evento, mentre il Department for Enterprise continuerà a fornire i finanziamenti necessari per organizzare l’evento, la fornitura di infrastrutture e logistica, oltre a assumersi la responsabilità del marketing e della promozione degli eventi.

Rob Callister, membro politico con responsabilità per il turismo e gli sport motoristici, ha aggiunto: “Avendo svolto un ruolo importante nella nostra economia per quasi 100 anni, accolgo con grande favore gli sviluppi annunciati. Questo evento chiave contribuisce con 7,1 milioni di sterline, con il totale delle gare del TT che fanno guadagnare oltre 44 milioni di sterline.