Morbidelli, il futuro preoccupa: cosa succede al rider Yamaha?

Franco Morbidelli vive uno dei momenti più difficili in carriera. Il pilota Yamaha comincia a pensare al suo futuro in MotoGP.

Solo 19 punti raccolti in sette gare e una top 10 ottenuta sul bagnato in Indonesia: con questo magro bottino Franco Morbidelli approda al Gran Premio del Mugello, con tanti dubbi che non possono essere attribuiti alla sua Yamaha M1. Con questa stessa moto si è confermato vice campione del mondo nella stagione 2020. Dal 2021 qualcosa sembra non aver girato nel verso giusto.

Franco Morbidelli (Ansa)
Franco Morbidelli (Ansa)

L’infortunio al ginocchio che si trascinava da tempo ha richiesto di intervenire chirurgicamente durante la scorsa estate, è rimasto fuori per diversi mesi, ma al rientro non ha più ritrovato il feeling con il prototipo di Iwata, nonostante il passaggio nel team factory. “Il mio problema fondamentale non è legato alla moto in sé, sono io che non riesco a trovare il giusto feeling con essa. Dopo che il mio ginocchio è guarito all’inizio dell’anno, mi aspettavo risultati migliori, ma non è stato così”, racconta in un’intervista a Motogp.com.

Morbidelli e il futuro con Yamaha

Non cerca nessun alibi il pilota della VR46 Academy, nè fisici né tecnici. D’altronde con questa M1 Fabio Quartararo si è confermato campione del mondo 2021 e guida la classifica piloti in questo campionato. Dal collega francese non possono arrivare informazioni utili per migliorarsi: “Non serve condividere le mie informazioni con lui se ha trovato un modo per sfruttare al meglio il pacchetto. Non voglio dare feedback che non sarebbero chiari, che sono più legati al fatto di non trovare il giusto feeling con la moto”.

L’obiettivo è ritrovare quel livello di competitività che lo ha caratterizzato nel 2020, riuscire a sfruttare i punti di forza della Yamaha M1 come riesce perfettamente a Quartararo. Per Morbidelli è una situazione complicata da cui dovrà uscirne quanto prima, in ballo c’è anche il suo futuro con il costruttore giapponese. Ha un contratto in scadenza alla fine del 2023, ma per pensare di rinnovare serve una sterzata decisiva.

Sui contratti in essere contano molto i risultati che si raccolgono nella stagione precedente alla firma e questo momento negativo potrebbe condizionare il suo futuro. “Non è una situazione piacevole per me e per la mia squadra. Sembro calmo e rilassato ma dentro di me ci sono forti emozioni, sensazioni che mi pervadono e non sono rilassato riguardo al futuro – ha concluso Franco Morbidelli -. Un podio è sempre bello, una vittoria ancora di più, ed è quello di cui ho davvero bisogno in questo momento”.