LCR, Lucio Cecchinello svela i piani futuri in casa Honda

La squadra di Lucio Cecchinello (LCR) rivela i programmi futuri con Honda: un’annuncio arrivato senza comunicato stampa che farà discutere.

I primi tasselli di mercato nel paddock della classe regina cominciano a incastrarsi, in attesa dei veri colpi di scena da parte dei piloti. Il team satellite LCR Honda di Lucio Cecchinello ha rinnovato la partnership con Honda per altri due anni, fino al termine della stagione 2024, lasciando la squadra di Razlan Razali unica squadra indipendente ancora scoperta per il prossimo anno.

LCR, Alex Marquez (foto Ansa)
Alex Marquez (foto Ansa)

Lucio Cecchinello ha prolungato di due anni il suo contratto con Honda Racing Corporation, in scadenza al termine di questo campionato. Il manager italiano ha sempre ribadito la sua fiducia al marchio giapponese ed è giunto il momento di mettere nero su bianco. Una partnership storica e che va avanti dal 2006, anno in cui debuttò Casey Stoner prima di passare ad altri lidi e ritornare in Honda ufficiale a distanza di anni. “Ho già prolungato il contratto con HRC per il 2023 e il 2024. Ma non abbiamo mai comunicato questa notizia attraverso un comunicato stampa prima”, ha rivelato a Speedweek.com.

LCR firma il suo futuro in MotoGP

In passato altre marche hanno provato a corteggiare Lucio Cecchinello e il suo team, ma il legame con Honda sembra inscalfibile al momento, anche se i risultati non sono molto incoraggianti da quando Cal Crutchlow è andato via. Nel 2016 è stato contattato da Aprilia, KTM e Suzuki, “ma ad essere sincero sono soddisfatto della mia situazione in Honda”. Del resto le recenti vicende in casa Suzuki dimostrano che la decisione del manager italiano è stata lungimirante.

Taka Nakagami e Alex Marquez sono al 15° e 17° posto in classifica mondiale dopo le prime sei gare. Per il pilota giapponese potrebbe essere la sua ultima stagione in classe regina, mentre si lavora per rinnovare la fiducia al due volte campione del mondo, che ancora non ha trovato la retta via in questo Mondiale 2022, anche a causa di una Honda RC213V che è un po’ uscita dai binari dello sviluppo tecnico rispetto agli anni precedenti.

Per quanto concerne i team satelliti resta da capire cosa deciderà di fare WithU RNF: restare con Yamaha o tentare una nuova avventura con Aprilia. Lin Jarvis in una recente intervista ha detto di essere ottimista sul rinnovo, ma i risultati di Andrea Dovizioso e Darryn Binder potrebbero spingere il manager malese ad adottare una nuova moto e legarsi alla Casa di Noale. Una decisione verrà presa entro il mese di giugno.