Leclerc parla di Mercedes: ecco cosa si aspetta da loro da qui a fine anno

Charles Leclerc ha provato a prevedere il futuro di questa F1 e in particolare della Mercedes che in questo momento è in crisi.

Dopo il tredicesimo posto raccolto ad Imola Lewis Hamilton si è automaticamente tolto dalla lotta per il titolo, consapevole dell’alto numero di punti da recuperare e da uno stato di forma della sua W13 tutt’altro che agevole per simili obiettivi.

Charles Leclerc (Ferrari Twitter)
Charles Leclerc (Ferrari Twitter)

Fare professione di concretezza e realismo è sicuramente nobile, nonostante a volte questo atteggiamento può nascondere un filo di strategia, ma quando è uno dei tuoi principali rivali ad estrometterti dalla lista dei papabili e a darti per spacciato, la questione diventa ancora più imbarazzante e difficile da sopportare.

Leclerc solleva dubbi sulla Mercedes

Dall’alto della sua leadership in campionato Charles ha infatti espresso delle perplessità circa la capacità della Stella di riprendersi nell’immediato. Ciò significa che, come ha detto Ham, per il 2022, non ci sarà possibilità di vederla lottare per la conferma al vertice tra le marche.

Come sappiamo, l’inusuale e ardito design della monoposto germanica con le pance ridotte all’osso non ha dato i frutti sperati, e il saltellamento sta impedendo ai due driver di tirare fuori il potenziale dal mezzo. Un intoppo rivelante che ha allargato la forbice prestazionale con Red Bull e Ferrari. Ma giusto per non deprimere del tutto la compagine tedesca, il monegasco ha dato loro qualche chance di affermazione in gara.

Non voglio escluderli dalla battaglia per la corona perché sono una squadra forte e lo hanno dimostrato in passato“, ha analizzato il #16 alla CNN. “Tuttavia va riconosciuto che stanno faticando sin dal Bahrain e sembrano avere problematiche di peso che richiedono tempo per essere risolte“.

Di conseguenza  è probabile che non riescano ad avere voce in capitolo nelle due graduatorie quest’anno, anche se sono convinto che da qui a fine stagione si imporranno in qualche round“,  ha chiosato perentorio il 24enne, reduce da un errore plateale davanti al pubblico di Imola che gli ha impedito di portare la Rossa sul podio davanti al pubblico di casa.