Maverick Vinales sogna già il mondiale con Aprilia: sentite cosa dice

Aprilia guarda con ottimismo al presente e al futuro: Maverick Vinales freme per portarsi nelle zone di vertice.

Il team Aprilia Racing sogna in grande in vista del Gran Premio di Jerez e in ottica mondiale, dopo che Aleix Espargarò ha ottenuto una vittoria a Termas de Rio Hondo e un podio a Portimao. La RS-GP22 conferma le buone impressioni dei test invernali e dimostra che i tecnici della Casa di Noale hanno lavorato alla perfezione durante la pausa invernale. E presto si lavorerà senza concessioni, perché al prossimo podio di Aleix o Maverick Vinales decadranno i vantaggi finora concessi dal regolamento.

Maverick Vinales (foto Ansa)
Maverick Vinales (foto Ansa)

Prima della gara di Le Mans Aprilia terrà un test al Mugello, ma rischia di non esserci Aleix Espargarò se nel fine settimana andaluso chiuderà sul podio. “Ho detto alla squadra che mi piacerebbe aderire, mi hanno ricordato che dopo domenica potremo perdere questa possibilità”. Il pilota di Granollers è felice di poter rilasciare questa dichiarazione, perché la perdita delle concessioni significa che Aprilia sta lottando per il podio in maniera molto costante. “In questo momento posso puntare a tutto – ha detto il maggiore dei fratelli Espargarò a ‘La Gazzetta dello Sport’ -. Essere felici è la miglior benzina. E in questo momento io sono molto felice”.

Vinales e Rivola guardano al futuro

Dopo gli ultimi risultati c’è ottimismo e del resto sognare non costa nulla. Se l’obiettivo più realistico è la top 5, il sogno è vincere il titolo mondiale. Non sarebbe impossibile in un campionato che ancora non ha un favorito e dove le distanze tra i piloti sono molto ravvicinate. “Ci credo al Mondiale – ha chiarito Aleix Espargarò -. Ci sono possibilità che capitano poche volte nella vita, ma se capitano bisogna provare a prenderle. Ce lo meritiamo, siamo lì, e allora perché non sognare? Dovizioso e la Ducati erano il mio riferimento, sono arrivati a lottare con Marquez. Non siamo ancora a quel livello, ma possiamo arrivarci”.

Discorso diverso per Maverick Vinales che ancora fatica a trovare la top-10 in sella alla nuova Aprilia, ma per lui si tratta di adattarsi ad una moto molto differente dalla sua ex Yamaha M1. Una volta che riuscirà a sistemare tutti i dettagli potrà puntare a traguardi ambiziosi: “Il time attack deve arrivare più facilmente, dobbiamo essere più veloci in qualifica e non riuscirci è frustrante”, ha detto il pilota di Roses. “Sono ossessionato, non mi fermo mai, non ho molta pazienza, sono esplosivo, anche se sto imparando. Quando arriverà quel giorno, sarò il numero uno con questa moto”.

Infine in casa Aprilia c’è il nodo contratti, anche se Massimo Rivola ha le idee ben chiare: entrambi i piloti sono le scelte per il futuro. “Non vedo Aleix con un’altra moto, come non vedo l’Aprilia senza Aleix. Quanto a Maverick vorrei che fosse il nostro futuro”.