Aleix Espargarò, ammette la sua paura: ecco cosa ha pensato

Aleix Espargarò partirà dalla prima fila nel GP di Portimao, ma ammette di aver avuto paura nelle qualifiche.

L’Aprilia RS-GP di Aleix Espargarò continua a far sognare i vertici di Noale e i suoi tifosi. In un week-end davvero complicato per le condizioni della pista, dove bastava un minuto di anticipo o ritardo per essere nei primi dieci o restarne fuori, il pilota di Granollers conquista una splendida prima fila al termine delle qualifiche a Portimao che lascia ben sperare per la gara di domani.

Aleix Espargaro (foto Ansa)
Aleix Espargaro (foto Ansa)

Dopo la vittoria in Argentina il pilota spagnolo sembra averci preso gusto con questa moto che ha saputo evolversi nel corso della pausa invernale e continua a crescere ancora, come dimostra la presenza in pista del collaudatore Lorenzo Savadori. “Ho avuto paura, perché veramente la pista era scivolosa e quando sei ai box (nella Q1, ndr) e vedi cadere tanti piloti (Bagnaia, Bastianini, Gardner, Fernandez, ndr) cerchi di mantenere la concentrazione. Ho provato a restare tranquillo, per me la terza posizione in griglia di partenza vale quanto una vittoria”.

Aprilia e Aleix Espargarò sognano in grande

Aleix Espargarò è terzo in classifica piloti con un distacco di 11 punti dalla vetta della classifica. Domani proverà a riprendersi la leadership, magari approfittando dei problemi riscontrati da Enea Bastianini nella Q1, dove ha rimediato una caduta e quindi scatterà dalla 18esima piazza. “In questo campionato ci sono tante gare in fila, devi usare anche la testa – ha aggiunto il pilota Aprilia a Sky Sport MotoGP -. Nei primi minuti non pensavo al gas, ero concentrato sulla pista, a capire bene dove era il pericolo durante il giro. E negli ultimi tre giri ho spinto al massimo e sono davvero molto contento per come è andata”.

Il titolo iridato è un obiettivo da non escludere e questi risultati aiutano a crederci. “Sono qui per lottare per il campionato, ovviamente è un sogno molto lontano, dopo se farò 6° in campionato va bene lo stesso. Ma l’obiettivo è lottare con i migliori, per il podio in tutti i week-end”.

Non è andata bene ad Austin, che è un po’ la pista “nera” di Aleix Espargarò e dell’Aprilia RS-GP. Ma sui tracciati europei sarà un’altra musica: “Sapevo che la gara in Texas sarebbe stata difficile, però ero cosciente che con questa moto, sulle altre piste in Europa, sarei andato forte. Stamattina ho migliorato il tempo ed era difficile, mi sono messo tra i primi dieci in condizioni di bagnato. Spero che domani sarà una condizione meteo normale e poter fare una bella gara”.