In Ferrari la felicità è a metà: ecco cosa non ha funzionato con Sainz

La Ferrari si gode la seconda pole position stagionale grazie a Charles Leclerc. Laurent Mekies commenta la giornata della Rossa.

Il Gran Premio d’Australia parte con due facce completamente diverse in casa Ferrari. Charles Leclerc ha messo a referto una sensazionale pole position, la seconda della stagione e l’undicesima della sua ancor giovane carriera. Il monegasco ha piazzato un eccezionale 1’17”868, che gli ha permesso di rifilare ben tre decimi alle Red Bull di Max Verstappen e Sergio Perez.

Ferrari F1-75 (LaPresse)
Ferrari F1-75 (LaPresse)

Ancora una volta, il #16 ha fatto la differenza nel momento più importante, mentre le RB18 apparivano nettamente più favorite per la conquista del miglior tempo. La Rossa è invece venuta fuori nel finale, ma domani Carlos Sainz scatterà soltanto nono a causa di una serie di eventi molto sfortunati.

La Ferrari dello spagnolo ha avuto un problema con il sistema di avviamento negli ultimi minuti, cosa che gli ha impedito di effettuare due giri di riscaldamento. Questo lo ha portato a girare con gomme non perfettamente in temperatura, ed è questo che lo ha portato a commettere un errore nel cambio di direzione. In precedenza, il pilota iberico si era visto annullare il primo tentativo a causa della bandiera rossa provocata dall’Alpine di Fernando Alonso.

La quinta fila sarà, dunque, tutta spagnola, con Carlitos che sa benissimo che si troverà davanti ad una gara tutta in salita. Questo rappresenta uno svantaggio per Leclerc, che si troverà a giocarsela due punte contro una. Il monegasco è cosciente del gran potenziale della sua Rossa, ma c’è da dire che le Red Bull si sono dimostrate perfettamente all’altezza in termini di passo gara.

Tra le varibili c’è proprio il tema delle gomme, che come si era già visto in Arabia Saudita fanno fatica ad andare in temperatura sulla F1-75. In gara, questo potrebbe essere uno svantaggio nei primi giri o in caso di ripartenza da Safety Car o Virtual Safety Car, cosa che infatti fu già fatale in quel di Jeddah.

Ferrari, Mekies commenta le qualifiche australiane

Al termine delle qualifiche, l’atmosfera nel box Ferrari era nettamente divisa tra i due box. Da una parte c’è grande gioia per la pole position di Charles Leclerc, ma non manca la delusione per il nono posto di Carlos Sainz. Ai microfoni di “SKY Sport F1” ha effettuato un bilancio della sessione del sabato Laurent Mekies, direttore sportivo della Scuderia modenese.

Ci aspettavamo che sarebbe stato un week-end molto intenso, ed in alcune sessioni eravamo davanti alla Red Bull, altre dietro. Stamattina erano davanti e sapevamo che c’era tanto lavoro da fare e che sarebbe stata dura. Ci sono molti errori qui da parte dei piloti, alcuni fanno il giro subito altri facevano due giri di riscaldamento come noi. Charles ha fatto un giro straordinario nel Q3, non è la prima volta che ci riesce“.

Grande peccato per Carlos che si era dimostrato molto veloce in questo fine settimana. Problemi per Carlos? Si, avevamo previsto di fare un doppio giro di preparazione, ma il problema all’avviamento ci ha costretto a cambiare programma. Questa cosa non è stata ideale, ha fatto quello che ha potuto, ma purtroppo nel primo run ha preso anche la bandiera rossa e non aveva un tempo già effettuato“.

Il direttore sportivo della Ferrari ha concluso: “Sono sicuro che domani sarà ancora in lotta, peccato per quei problemi nello scaldare le gomme che sicuramente lo ha penalizzato nel fare solo un tentativo di riscaldamento. Il bilanciamento è meno perfetto rispetto alle prime gare, lo abbiamo visto su tante macchine, noi abbiamo lavorato tantissimo anche fino a ieri sera tardi per cercare di tirare fuori la massima prestazione. Sarà una gran lotta con la Red Bull, dobbiamo cercare di tirare fuori il massimo della prestazione dalla vettura“.