MotoGP, Argentina Warm-up: Aleix Espargaró vola e fa sognare l’Aprilia

Tutto pronto in Argentina per la gara di MotoGP. Nel Warm-up il miglior tempo è stato di Aleix Espargaró che conferma una grande Aprilia.

La MotoGP si appresta a disputare il Gran Premio di Argentina, tappa che nelle ultime due stagioni era saltata a causa del Covid-19. Nella giornata del sabato, la pole position era stata ottenuta dall’Aprilia di Aleix Espargaró, che ha regalato un risultato storico alla casa italiana.

MotoGP Aleix Espargaró (LaPresse)
MotoGP Aleix Espargaró (LaPresse)

Lo spagnolo sembra averci preso gusto, ed è riuscito a prendersi il comando delle operazioni anche nel Warm-up, dove ha tenuto dietro la Yamaha di Fabio Quartararo girando in 1’38”648. Segnali di ripresa dalla Suzuki, con Alex Rins che ha messo a referto il terzo tempo davanti alla Ducati Pramac affidata a Jorge Martin.

Quinta l’altra Aprilia, quella di Maverick Vinales. La marca italiana si conferma quella che è progredita maggiormente nel corso dell’inverno, divenendo uno dei mezzi di riferimento in MotoGP. Segue Pecco Bagnaia sulla prima Ducati ufficiale, tallonato dalle KTM di Miguel Oliveira e Brad Binder. La top ten è completata dalla Honda di Takaaki Nakagami e dalla Ducati Pramac di Johann Zarco. Turno complicato per Marco Bezzecchi e Luca Marini, entrambi usciti di pista con il primo vittima di una caduta.

MotoGP, Aleix Espargaró continua a volare

La MotoGP è scesa in pista poco fa per il Warm-up sul tracciato di Termas de Rio Hondo, nell’attesa della gara che vedrà l’Aprilia di Aleix Espargaró partire davanti a tutti. Per permettere ai piloti di prendere maggior confidenza con la pista dopo la cancellazione della giornata del venerdì, le sessioni di prove libere del sabato erano state allungate di un quarto d’ora l’una.

Anche il Warm-up è stato prolungato, ed è stato disputato sulla distanza di ben 40 minuti. Enea Bastianini parte forte prendendosi il primo posto nelle fasi iniziali del turno, ma il leader del mondiale deve subito cedere il passo alla concorrenza. Fabio Quartararo conferma il gran passo messo in mostra nelle libere ed è il primo ad abbattere il muro dell’1”39, mentre Marco Bezzecchi è vittima di una brutta caduta.

Il rider della Ducati del Mooney VR46 Racing Team scivola alla curva 6, alzandosi subito senza problemi fisici. Aleix Espargaró abbassa il miglior tempo del campione del mondo della MotoGP, ma anche le KTM appaiono in ripresa dopo una qualifica da incubo. Miguel Oliveira e Brad Binder occupano stabilmente le prime posizioni, con la Ducati di Jorge Martin quinta.

Anche Luca Marini, così come Bezzecchi, finisce fuori pista, ma riesce a restare in sella ed a tornare in pista dopo l’escursione. I primi mostrano un passo molto simile tra di loro, cosa che ci fa pensare ad una gara che potrebbe essere equilibrata e senza un favorito chiaro. In questo inizio di stagione, l’incertezza sembra il leit motiv più rappresentativo per descrivere questa annata.

L’Aprilia si è confermata al top con Aleix Espargaró che ha concluso davanti a tutti il Warm-up, davanti a Quartararo ed alla Suzuki di Alex Rins. La casa nipponica ha sofferto per tutto il fine settimana, ma lo spagnolo ha fornito qualche piccolo segnale di risveglio proprio nel corso della sessione pre-gara. Alle 20 ora italiana la partenza della gara domenicale.