Red Bull, spesa folle per recuperare sulla Ferrari: ad Imola grande novità

La Red Bull si prepara ad un grande aggiornamento da portare ad Imola. Le spese affrontate dal team di Milton Keynes sono stellari.

La sfida tra Red Bull e Ferrari sta caratterizzando l’inizio del mondiale 2022. A seguito della crisi tecnica della Mercedes, Max Verstappen e Charles Leclerc potrebbero rendere affar loro la sfida mondiale, con Sergio Perez e Carlos Sainz pronti ad infilarsi nella battaglia. Il messicano ha staccato la prima pole position della carriera in Arabia Saudita, per poi vedere la propria gara distrutta dalla Safety Car.

Red Bull (LaPresse)
Red Bull (LaPresse)

Il bilancio delle prime due tappe è molto più che positivo per la Scuderia modenese, che comanda nel mondial costruttori con 78 punti conquistati su 88 disponibili. Seconda c’è la Mercedes, attardata di ben 40 lunghezze, che precede di un punto la Red Bull. Il team di Milton Keynes paga il doppio ritiro del Bahrain, dove invece il Cavallino ha piazzato una perentoria doppietta.

Tra i piloti, Leclerc è in fuga a quota 45 punti, seguito dai 33 di Sainz e dai 25 di Verstappen. La prima freccia d’argento è quarta con George Russell che ha all’attivo 22 punti, mentre Lewis Hamilton ne ha solo 16 ed è quinto non mondiale. Le monoposto della Stella a tre punte non sono, almeno per ora, in grado di battersi per la vittoria, e solo gli anglo-austriaci sembrano essere in grado di sfidare la Ferrari.

Red Bull, in arrivo un maxi-sviluppo per Imola

Stando a quanto riportato da “Motorsport.com“, la Red Bull si presenterà ad Imola con un pacchetto del tutto nuovo, volto a ridurre il peso della RB18. La spesa, per portare a termine questa “dieta”, è pari a circa due milioni di euro. Quest’anno, come abbiamo più volte ricordato, i team devono fare attenzione al Budget Cap, tetto massimo di spese fissato a 140 milioni di dollari.

Tuttavia, Red Bull e Mercedes stanno già spingendo per ottenere qualche spesa “extra”, con la Ferrari che è del tutto contraria a questa mossa della concorrenza. Per il team di Brackley l’introduzione del Budget Cap è arrivata nel momento più sbagliato possibile, visto il grave ritardo che le frecce d’argento hanno palesato rispetto ai primi.

Per quanto riguarda la Ferrari, è stato reso noto che anche in Australia non ci saranno novità sulla Rossa, i cui primi sviluppi non si vedranno prima di Imola. La monoposto di Charles Leclerc è praticamente identica a quella della presentazione, tralasciando i vari fondi testati per ridurre il porpoising. La battaglia degli sviluppi sarà fondamentale per le sorti di questo mondiale, ed a Maranello dovranno invertire la rotta rispetto al passato.