F1, Hamilton vuota il sacco: Mercedes in confusione totale

Lewis Hamilton è deluso dopo il venerdì delle prove libere del Gran Premio del Bahrain. La Mercedes è in enorme difficoltà per ora.

Il primo week-end del mondiale di F1 è entrato ufficialmente nel vivo. Le prove libere del Gran Premio del Bahrain si sono concluse nella notte di Sakhir, e la notizia è l’assenza di Lewis Hamilton dalle prime posizioni. La prima Mercedes è quella di George Russell, piazzatosi in quarta posizione con un tempo in 1’32”529, a quasi sei decimi dalla Red Bull di Max Verstappen ed a mezzo secondo esatto dalla Ferrari di Charles Leclerc.

Hamilton (ANSA)
Hamilton (ANSA)

Il sette volte campione del mondo non si è mai visto, ed è solo nono, come fosse uno qualunque, ad oltre un secondo dal battistrada. Va detto che il tempo di Sir Lewis non può essere preso troppo sul serio, dal momento che è nel bel mezzo delle due Haas, alle spalle di Mick Schumacher e davanti a Kevin Magnussen.

La sensazione è che i motorizzati Ferrari abbiano fatto uno step in avanti impressionante, come confermato anche dal sesto posto di Valtteri Bottas sull’Alfa Romeo Racing: nella top ten ci sono ben cinque monoposto dotate della power unit di Maranello. Per quanto riguarda le vetture equipaggiate dal motore Mercedes, ce ne sono ben sei nelle ultime dieci posizioni, con le McLaren, le Aston Martin e le Williams apparse in caduta libera.

Hamilton ha sofferto tantissimo, anche in maniera maggiore rispetto al compagno di squadra. Il sette volte iridato è stato protagonista di una scena molto preoccupante, avvenuta nelle ultime battute del turno: nel corso della simulazione di gara, Verstappen era di circa un secondo al giro superiore rispetto al britannico, cosa che gli ha permesso di raggiungerlo, sverniciarlo sul rettilineo ed allungare subito.

Dopo anni di sandbagging nei test, in questo inizio di 2022 sembra che il team di Brackley sembra realmente in crisi, alimentando le strane voci degli ultimi giorni. Secondo alcune voci, gli uomini di Toto Wolff sarebbero addirittura pronti a tornare alla vettura dei test di Barcellona, visto che il telaio è esattamente lo stesso e le differenze sono di natura aerodinamica.

Hamilton, grande delusione dopo il venerdì di libere

Ovviamente, è corretto sottolineare che è fin troppo presto per dare per porta la Mercedes. Questo team e Lewis Hamilton hanno dimostrato di saper recuperare e rialzarsi in fretta dai momenti di difficoltà, ma non avevamo mai visto un venerdì così difficile per loro.

Alla fine delle due sessioni di libere, il sette volte campione del mondo ha raccontato i suoi pensieri ai microfoni di “SKY Sport F1“: “Non ho guardato la macchina di George ed il suo lavoro onestamente. Oggi, noi abbiamo provato diverse cose, ma mi sono concentrato sui problemi della mia auto per cercare di capire cosa ci stia succedendo. Rispetto a quelli di quest’anno abbiamo avuto piccoli problemi in passato“.

Hamilton ha calcato molto la mano sulle difficoltà di questo inizio stagione, facendo intendere che non ci sono soluzioni veloci: “Attualmente, stiamo fronteggiando dei problemi molto più grandi. Tutto quello che facciamo per cercare di aggiustarli non cambia realmente la situazione. Sembra che saranno necessari interventi più lungo termine, quindi niente che possa risolvere le cose nel breve periodo“.

Il sette volte campione del mondo si è trovato a lottare con una monoposto molto nervosa, che non è all’altezza di Red Bull e Ferrari. George Russell ha addirittura dichiarato che Alpine ed Alfa Romeo Racing sarebbero davanti alle frecce d’argento, ma questo scenario appare troppo drammatico per gli otto volte campioni del mondo costruttori. Le qualifiche chiariranno meglio la situazione, anche se c’è la consapevolezza che la situazione non sia poi così tranquilla. Contro ogni previsione.