MotoGP Mandalika, Prove Libere 2: riscatto Yamaha, male la Honda

Tempi e classifica delle prove libere MotoGP al Mandalika Circuit. Cadute nel finale per Marc Marquez ed Enea Bastianini.

Al Mandalika Circuit ha preso il via il venerdì di prove libere della classe regina. Nelle FP1 Pol Espargarò ha chiuso con il miglior crono in 1’34″4, davanti alla KTM di Miguel Oliveira e al compagno di box Marc Marquez con un gap di appena 79 millesimi. 4° Franco Morbidelli seguito da Johann Zarco, Aleix Espargarò, Brad Binder ed Enea Bastianini. Hanno chiuso la top 10 Francesco Bagnaia e Joan Mir. Nel primo turno la pista era bagnata e sporca, ma nella seconda sessione si è normalizzata.

Pol Espargaro (foto Ansa)
Pol Espargaro (foto Ansa)

Occhi puntati sulle gomme Michelin che qui in Indonesia dovranno affrontare temperature d’asfalto al limite e che si attestano su circa 60° C. L’avvio delle Prove Libere 2 è stato ritardato di qualche minuto per una piccola fuoriuscita di acqua in curva 2. Nelle fasi iniziali ancora problemi per Fabio Quartararo che vede spegnersi la moto in curva ed è costretto a a ritornare ai box: per il campione della Yamaha si è trattato del rivelamento di un problema alla centralina elettronica che ha smesso di funzionare per motivi di sicurezza.

La seconda sessione di libere MotoGP

La KTM sembra aver risolto alcuni problemi di dentatura mostrati nel corso dei test invernali. Dopo il podio di Brad Binder a Losail, le RC16 si confermano in buona forma. A piazzare un buon crono nelle FP2 è Miguel Oliveira in 1’32″7, davanti a Pecco Bagnaia, Marc Marquez e Fabio Quartararo, i tre big della Top Class ritornano ad affacciarsi nelle zone alte di classifica dopo l’opaca prestazione nel Gran Premio del Qatar.

Nelle fasi finali Enea Bastianini e Marc Marquez rimediano una caduta. Il fenomeno di Cervera è finito nella ghiaia ad alta velocità in curva 11: nessuna conseguenza per il campione della Honda, ma potrebbe lasciare un segno decisivo sul morale. A siglare il miglior tempo è Fabio Quartararo che si riscatta con un 1’31″608 davanti a Franco Morbidelli, a soli 30 millesimi dal compagno di box, e Johann Zarco. Il francese del team Pramac anticipa i due ducatisti Jorge Martin, Enea Bastianini e Jack Miller.

Nei primi dieci Aleix Espargarò, Brad Binder, Miguel Oliveira e Alex Rins. Sfortunato Pecco Bagnaia che negli ultimi due time attack trova due bandiere gialle a causa delle cadute di Bastianini e Marquez.