Valentino Rossi, l’elogio di Nieto lascia senza parole: tutti emozionati

Fonsi Nieto elogia la figura leggendaria di Valentino Rossi. Le splendide parole del direttore sportivo del team Pramac Racing.

Nel documentario ‘MotoGP Unlimited‘ viene offerto uno squarci di vita all’interno del paddock che solitamente gli spettatori non sono abituati a vedere. Uno sguardo da un punto di vista privilegiato, dove si rivivono le emozioni del week-end, i momenti decisivi fuori e dentro la pista, i dialoghi più segreti tra piloti, manager e addetti ai lavori.

Valentino Rossi (foto Ansa)
Valentino Rossi (foto Ansa)

Si parla anche di storia e in questo caso impossibile non fare riferimento a Valentino Rossi, nove volte campione del mondo, che ha deciso di lasciare la classe regina alla fine della stagione 2021. Ha accettato di scalare nel team satellite Yamaha pur di proseguire il suo cammino in MotoGP, con una M1 ufficiale, nella speranza di riuscire ad ottenere risultati che potessero stimolarlo a proseguire ancora. Purtroppo l’impresa non è riuscita e, con una conferenza stampa tenutasi al Red Bull Ring subito dopo la pausa estiva, ha annunciato al mondo intero il suo ritiro al termine del Mondiale 2021.

Valentino Rossi leggenda della MotoGP

Tra i protagonisti della docu serie ‘MotoGP Unlimited’ c’è anche Fonsi Nieto, fino allo scorso anno coach del team Pramac Racing e dal 2022 direttore sportivo dopo l’addio di Francesco Guidotti alla KTM. Conosce molto bene Valentino Rossi, sin da quando erano più giovani e il Dottore andava in vacanza a Ibiza, dove spesso si ritrovava con suo padre Angel Nieto. “Valentino ha voluto salutare il pubblico sugli spalti ed è per questo che ha allungato la sua carriera con un anno in più. L’anno della pandemia, con gli spalti vuoti, Valentino Rossi non poteva ritirarsi, non sarebbe stato giusto”.

Dopo l’annuncio ufficiale del suo addio in Stiria tutti gli autodromi hanno voluto porgere un particolare contributo alla leggenda di Tavullia, sono arrivati tifosi da tutto il mondo per vederlo correre in MotoGP per l’ultima volta. Al Ricardo Tormo di Valencia campeggia un mega murales con il suo volto. “Tutti gli appassionati di sport motoristici hanno molto di cui ringraziare Valentino. In certi posti dove non c’è la televisione i bambini hanno invece la bandiera di Rossi. Quello che ha ottenuto lui, nessuno l’ha raggiunto”, ha concluso Fonsi Nieto. Adesso il suo nome leggendario proseguirà nelle corse automobilistiche: dall’1 al 3 aprile per il campione di Pesaro inizia la nuova avventura nel Fanatec GT WCE con il team Audi Wrt.