F1, Verstappen ancora campione? I due senatori dicono la loro su Max

Max Verstappen è pronto per difendere il titolo di campione del mondo di F1. Secondo due colleghi, l’olandese sarà davanti ad una sfida.

Sta per alzarsi il sipario sulla nuova stagione della F1, che scatterà alle 16 ora italiana. La caccia a Max Verstappen è aperta, con una concorrenza che quest’anno appare più agguerrita che mai. L’olandese ha voluto mandare un segnale nel corso degli ultimi minuti dei test di Sakhir, montando la gomma a mescola C5 per andare a stampare un ottimo 1’31”720 proprio a pochi secondi dalla bandiera a scacchi.

F1 Max Verstappen (LaPresse)
F1 Max Verstappen (LaPresse)

Il campione del mondo non si è fatto troppi problemi nel prendersi il ruolo di grande favorito, al volante di una Red Bull che è apparsa molto equilibrata, soprattutto grazie agli aggioramenti tecnici introdotti sabato: sulla RB18 sono arrivati dei nuovi sidepod ed un fondo rivisto, che stando a quanto dichiarato da Helmut Marko, Super-consulente del team di Milton Keynes, sono valsi un incremento prestazionale di mezzo secondo.

Un salto in avanti del genere spaventerebbe chiunque, ma gli avversari non si sono fatti intimorire. Il ruolo di sfidante appartiene alla Ferrari, almeno stando a quanto visto nei test. La Rossa è veloce ed affidabile, ed ha messo in mostra un buon potenziale sia nel giro secco che sul long run con un’accurata gestione delle gomme. Charles Leclerc ha simulato la gara nel finale della sessione di sabato, tenendo dei tempi in linea con quelli di Verstappen.

La Mercedes è indecifrabile, ma la sensazione è che la F1 W13 nasconda un potenziale enorme. La freccia d’argento arrivata in Bahrain è un’evoluzione estrema di quella vista a Barcellona. Impressionante l’on-board camera che inquadra il lato sinistro del pilota, da cui è ben evidente la totale assenza dei sidepod. Una cosa del genere non si era mai vista nel Circus, ma va detto che il cronometro dovrà poi dare ragione al team di Brackley.

Per il momento, la monoposto di Lewis Hamilton e George Russell non è ancora perfetta, a causa di cronici problemi di porpoising. Gli eccessivi saltellamenti in rettilineo hanno costretto i meccanici ad alzare l’altezza da terra, compromettendo la velocità nelle curve veloci. Per quanto riguarda quelle lente, invece, la Mercedes è già al livello della favorita Red Bull.

F1, Alonso e Vettel battezzano Verstappen

Max Verstappen è diventato campione del mondo di F1 solo tre mesi fa, ma è già tempo, per lui, di difendere il trono conquistato. La rivoluzione regolamentare che ha portato all’avvento delle monoposto ad effetto suolo potrebbe rendere più equilibrata la sfida, ma la sensazione è che i top team la faranno comunque da padrone.

Per quanto riguarda l’olandese, in molti si sono chiesti come è cambiata la sua vita professionale e privata dopo la vittoria mondiale, e se adesso la pressione su di lui sarà aumentata o cresciuta. Sebastian Vettel e Fernando Alonso, entrambi campioni del mondo, hanno provato a rispondere, parlando in un’intervista concessa a “RacingNews365“.

Il pilota dell’Aston Martin ha detto: “Da quando vinsi il mio primo titolo è passato moltissimo tempo, ma ricordo che mi diede una spinta enorme. In un certo senso ti toglie un bel peso dalle spalle. È una bella sensazione iniziare la stagione da campione del mondo e con il numero 1 sulla tua macchina. Questo è un privilegio ed è qualcosa che tutti vogliamo, non come un compito extra. Era solo una spinta in più e penso lo sarà anche per gli altri“.

Anche il driver dell’Alpine e due volte campione del mondo di F1 concorda con Seb: “Penso che tu senta meno pressione, perché hai già realizzato i tuoi sogni. Da quel momento in poi è molto più divertente e vai ad ogni gara con l’idea di avere già un campionato in tasca. Ovviamente cerchi sempre di dare il massimo ed arrivare davanti, ma almeno ha molta meno pressione su sé stesso“.