Vinales distrugge la Yamaha: parole taglienti contro l’ex team

Maverick Vinales archivia le vicende Yamaha non senza qualche frecciata all’ex squadra. In Qatar rincorre un grande sogno.

Maverick Vinales correrà la sua prima intera stagione in classe regina con i colori Aprilia, dopo un’esperienza con Yamaha che non si è conclusa nel modo migliore. In occasione della premiere a Madrid della docu-serie ‘MotoGP Unlimited‘, il pilota di Roses è ritornato sull’argomento in un’intervista con Manuel Pecino sulle colonne del giornale spagnolo ‘Mundo Deportivo’.

Maverick Vinales (Getty Images)
Maverick Vinales (Getty Images)

Durante gli ultimi mesi Lin Jarvis non è stato molto gentile in alcune dichiarazioni nei suoi confronti. Vinales preferisce non ribattere ma risponde in maniera diplomatica. “Penso che il silenzio sia la migliore risposta. Poche persone sanno cosa sia successo davvero là dentro. Ho incontrato persone negative ma anche brave persone. Un’esperienza che mi ha reso più freddo verso gli altri”.

MotoGP, Vinales apre alla nuova sfida con Aprilia

Nel 2021 inizia un campionato con prospettive diverse. Da pilota Yamaha era quasi costretto a vincere, con Aprilia è impensabile puntare al campionato del mondo a breve termine, ma la pressione non cambia e il grande obiettivo è sempre quello di vincere il titolo iridato. “E’ una pressione positiva, che ti spinge a migliorare di giorni in giorno. In Aprilia abbiamo obiettivi diversi e che necessitano di tempo, tutti ne sono consapevoli”.

Marc Marquez glissa su Valentino Rossi: ecco il nostro rapporto

In quasi cinque stagioni con la M1 non è riuscito a centrare il sogno mondiale, una lunga parentesi che ha portato il pilota catalano a maggiori consapevolezze: “Sicuramente mi è mancata la coerenza, la perseveranza ti aiuta a crescere e a dare solidità alla tua carriera”. In Aprilia ci sono buone basi per puntare in alto, l’atmosfera ai box è sicuramente migliore per Maverick, non resta che provare a raccogliere i frutti di quanto seminato.

Fabio Quartararo preoccupato, ma in Yamaha non è l’unico

Arriva in griglia di partenza dopo aver maturato esperienze profonde, dalla nascita della figlia alla morte di suo cugino Dean Berta Vinales. “La vita mi ha mostrato le sue due facce. Da un lato è nata mia figlia e dall’altro ho perso un cugino. Ho vissuto la parte più difficile della vita, ma soprattutto mi ha fatto capire che devi goderti il ​​momento”.

Mancano due settimane all’inizio della nuova stagione mondiale, si correr in Qatar il primo round e un anno fa Maverick Vinales vinse in sella alla Yamaha. Occorre essere ralistici ma sognare non fa male… “Se vincessi a Losail nel primo GP sarebbe la mia più grande impresa di sempre… ma bisogna essere realistici”.