Red Bull, novità sulla livrea: cambia di nuovo e arrivano tanti soldi (VIDEO)

La Red Bull ha annunciato un nuovo accordo con la Bybyt, pubblicando un video sui suoi canali social che ufficializza la partnership.

In casa Red Bull si pensa molto in grande in vista del mondiale 2022. Dopo la vittoria del titolo firmata da Max Verstappen ad Abu Dhabi, tutte le attenzioni del team di Milton Keynes si sono spinte sul progetto RB18, la nuova vettura ad effetto suolo realizzata in base ai regolamenti rivoluzionari imposti da questa stagione.

Red Bull RB18 (Red Bull Twitter)
Red Bull RB18 (Red Bull Twitter)

Nel passato, il geniale progettista Adrian Newey aveva già sfruttato alla grande i cambiamenti tecnici: nel 2009, la squadra di Christian Horner si presentò al via del mondiale da perfetta comprimaria, senza mai aver vinto una gara o aver ottenuto una pole position.

I regolamenti vennero stravolti rispetto all’anno precedente, ma grazie all’ingegno di Newey, la Red Bull si trasformò in un top team alle spalle della sola Brawn GP. Una volta chiusa quella stagione, i bibitari diventarono i veri dominatori della F1, portando a casa quattro titoli piloti consecutivi con Sebastian Vettel ed altrettanti tra i costruttori.

Dopo un lungo inseguimento alla Mercedes, Horner e soci sono riusciti a portare a casa l’agognato titolo mondiale, rendendo il fenomenale Verstappen il primo iridato olandese della storia. Il figlio di Jos ha riportato il #1 nel Circus, e spera di confermarsi nonostante i grandi cambiamenti tecnici.

Il motore Honda continuerà ad equipaggiare le monoposto anglo-austriache, con il marchio HRC, solitamente associato alle due ruote, che è apparso sul cofano motore. Nel corso della presentazione, è stata svelata soltanto la livrea della RB18 griffata dal nuovo main sponsor Oracle, ma la vera vettura la potremo osservare in pista solo nei test di Barcellona.

F1, la Red Bull adesso è preoccupata: ecco cosa si rischia nel 2022

Red Bull, accordo con il nuovo sponsor Bybit

I successi del 2021 hanno portato la livrea della Red Bull a riempirsi di sponsor. Che la vettura dello scorso anno fosse molto competitiva lo si era capito sin dai test del Bahrain, che vennero dominati da Max Verstappen. Prima dell’appuntamento di Sakhir dello scorso marzo, la Oracle firmò un contratto con il team di Milton Keynes divenendo uno dei partner principali.

Come abbiamo potuto vedere dalla presentazione della scorsa settimana, il colosso informatico con sede nella Silicon Valley è ora divenuto main sponsor, andando a versare 100 milioni di euro all’anno nelle casse del team. Pochi minuti fa è arrivato l’annuncio di una nuova sponsorizzazione, che vede protagonista la Bybit.

Si tratta di una piattaforma su cui è possibile scambiare criptovalute, che ha firmato un accordo pluriennale con il team austriaco. La piattaforma diventerà un “Tech Incubator Partner”, con il quale Red Bull sarà supportata anche a livello tecnologico. Christian Horner, team principal del team, ha dato il benvenuto al nuovo sponsor con un messaggio pubblicato sui canali social della sua squadra.

F1, SpiderMan sta dalla parte di Hamilton: l’incredibile rivelazione

Sono lieto di dare il benvenuto a Bybit nel Team. È anche giusto che, mentre entriamo in una nuova generazione di competizioni di F1 nel 2022, con una nuova filosofia di auto che scende in pista avanzata e potenzialmente rivoluzionaria, che Bybit esista anche all’avanguardia della tecnologia. Condividono la passione del Team di esistere in prima linea nell’innovazione tecnologica, di stabilire il ritmo competitivo e di sconvolgere lo status quo“.