F1 2022, novità sulle gare sprint: quante saranno e i nuovi punteggi

La F1 ha ufficializzato quante gare sprint ci saranno nel calendario 2022 e anche novità che riguardano sia il punteggio che le Qualifiche.

Nel 2021 c’è stato l’esperimento delle Sprint Qualifyng e non ha esattamente convinto team e piloti, oltre che i tifosi. I vertici della Formula 1 si sono detti soddisfatti e speravano di farne più delle tre viste lo scorso anno. Missione fallita.

F1 (GettyImages)
F1 (GettyImages)

Nonostante il presidente e CEO Stefano Domenicali puntasse ad averne almeno sei in calendario, in realtà saranno di nuovo tre. Dopo un confronto con i team, che avevano persino “minacciato” di non volerne disputare per una questione di costi e budget cap, si è trovato un accordo per confermare lo stesso numero del 2021.

Adesso prenderanno semplicemente il nome di Sprint e avranno luogo a Imola, Spielberg e San Paolo. Confermato che saranno programmate per il sabato pomeriggio, che si svolgeranno sempre sulla distanza dei 100 chilometri e che determineranno la griglia di partenza della gara della domenica. Ma qualcosa cambierà.

Lewis Hamilton, arriva l’annuncio della Mercedes: ecco cosa ha deciso

F1 2022, Sprint Qualifyng e punteggi: le modifiche

Una novità importante sarà che ad andare a punti nelle gare sprint saranno i primi otto piloti che taglieranno il traguardo. Il primo conquisterà 8 punti, poi gli altri a scalare fino all’ottavo che ne otterrà 1. Si tratta di un cambiamento importante rispetto al 2021, quando i punti andavano solamente ai primi tre (rispettivamente 3, 2 e 1).

Un’altra modifica riguarda le Qualifiche, sempre programmate per il venerdì in quei tre weekend in cui ci saranno le Sprint, dato che nel 2022 chi farà il miglior tempo sarà considerato l’effettivo poleman. L’anno scorso, invece, la pole position veniva assegnata a chi arrivava prima nella Sprint Qualifyng.

Sul sito ufficiale della Formula 1 è stato anche comunicato un altro importante cambiamento del regolamento sportivo. Riguarda i punteggi per quelle gare che non vengono disputate interamente. Dopo la figuraccia fatta a Spa-Francorchamps nel 2021, urgeva intervenire.

Nessun punto verrà assegnato se il leader della gara non avrà completato almeno due giri senza intervento di Safety Car e Virtual Safety Car. Se ha effettuato almeno due giri, ma meno del 25% della distanza di gara programmata, verranno assegnati punti solamente ai primi cinque.

  • 1°: 6 punti
  • 2°: 4 punti
  • 3°: 3 punti
  • 4°: 2 punti
  • 5°: 1 punto

Se invece viene disputato oltre il 25% dei giri previsti, ma comunque meno del 50%, i punti verranno assegnati ai primi nove piloti.

  • 1°: 13 punti
  • 2°: 10 punti
  • 3°: 8 punti
  • 4°: 6 punti
  • 5°: 5 punti
  • 6°: 4 punti
  • 7°: 3 punti
  • 8°: 2 punti
  • 9°: 1 punto

Se il leader completa più del 50% delle tornate programmate, ma sotto il 75%, la situazione cambia ancora e vanno a punti i primi dieci.

  • 1°: 19 punti
  • 2°: 14 punti
  • 3°: 12 punti
  • 4°: 9 punti
  • 5°: 8 punti
  • 6°: 6 punti
  • 7°: 5 punti
  • 8°: 3 punti
  • 9°: 2 punti
  • 10°: 1 punto

George Russell, il dubbio di Villeneuve: “È un altro Bottas?”

Sopra la soglia del 75%, viene assegnato il punteggio pieno. Le modifiche comunicate oggi sono comunque soggetta all’approvazione del World Motor Sport Council.