Luca Marini già innamorato della Ducati: le sue parole fanno sognare

Luca Marini chiude al comando la seconda giornata di test in Indonesia. Il pilota del team Mooney VR46 ha piena fiducia in Ducati.

Sorrisi e iniezione di fiducia nel team Mooney VR46 dopo il miglior crono segnato da Luca Marini nella seconda giornata di test Irta al Mandalika Circuit. Il pilota di Tavullia ferma il cronometro a 1’31″289 e firma il record della pista indonesiana, in attesa di conoscere i nuovi riferimenti nell’ultima giornata di prove ufficiali di domani.

Luca Marini (GettyImages)
Luca Marini (GettyImages)

Dopo un difficile inizio in Malesia, dove ha potuto girare solo per qualche ora a causa di problemi ai box con la sua nuova Ducati Desmosedici GP, il fratello di Valentino Rossi ritrova fiducia e piazza il best lap del sabato. Raggiunto dai microfoni di Sky Sport ha sottolineato l’importanza di far parte di un marchio prestigioso come quello di Borgo Panigale. “La Desmosedici 2022 è una grandissima moto, come lo era la 2021, a poco a poco sto scoprendo il suo potenziale”.

Luca Marini ha piena fiducia in Ducati

Un bel risultati che entusiasma anche i tifosi italiani, dal momento che possiamo vedere in testa un pilota italiano su una moto realizzata in Italia. Dopo Enea Bastianini in Malesia, anche il giovane pilota della VR46 Academy riesce a posizionarsi al vertice lasciando dietro i big Marc Marquez, Fabio Quartararo e Joan Mir. Si tratta pur sempre di test, ma il miglior tempo sul giro secco non è mai un episodio casuale.

MotoGP, test Mandalika Giorno 2: Marini da record, Marquez insegue

Luca Marini ha lavorato anche su nuove impostazioni di elettronica e di set-up per la sua GP22. “Dobbiamo continuare così, stiamo facendo un ottimo lavoro. Mi sento bene, mi diverto, ho buone sensazioni”. Ma occhio a tenere i piedi ben saldi a terra: “Saranno cruciali le prime gare per capire quali sono i veri valori, è difficile intuirlo dai test”.

Ha compiuto un totale di 57 giri nella seconda giornata di test in Indonesia e domani scenderà in pista per l’ultima uscita prima dell’inizio del campionato 2022, in programma a Losail il 6 marzo. “E’ stata una giornata bellissima, abbiamo fatto un bel passo in avanti rispetto al 2021. Ogni giro è andata sempre meglio, questa moto può essere davvero molto veloce. Abbiamo segnato un gran giro però dobbiamo migliorare sul passo”.

Franco Morbidelli contrariato: “E’ dannatamente pericoloso”

Il lavoro di squadra potrebbe rendere ancora più competitivo il marchio Ducati in questa stagione 2022, dove i vertici emiliani si aspettano finalmente il ritorno del campionato mondiale piloti in Italia. “Possiamo essere più costanti se lavoriamo insieme con tutti i piloti Ducati – ha concluso Luca Marini -. Stare davanti è sempre bello, anche se è solo un test. Voglio arrivare pronto in Qatar”.