Bagnaia, senti Petrucci: ecco a cosa deve fare attenzione in MotoGP

Petrucci avverte Bagnaia in vista del campionato MotoGP 2022: vincere il titolo non sarà affatto una passeggiata per il pilota Ducati.

Considerando quanto visto nell’ultima parte del Mondiale MotoGP scorso, è normale indicare Francesco Bagnaia come favorito per la conquista della corona iridata nel 2022. Ha vinto quattro delle ultime sei gare, sarebbero state cinque se non fosse caduto a pochi giri dalla fine mentre era in testa a Misano 2.

Francesco Bagnaia (GettyImages)
Francesco Bagnaia (GettyImages)

Il pilota piemontese è cresciuto molto nel 2021, è maturato ed è più pronto per giocarsi il titolo. Deve limitare alcuni errori che provocano delle cadute dannose per la classifica, però il potenziale per riportare la Ducati a vincere il campionato piloti c’è. Per la prossima stagione si riparte da un’ottima base, ulteriormente migliorata dalle novità che Gigi Dall’Igna e i suoi uomini hanno studiato per la Desmosedici GP22. La concorrenza non starà a guardare, ma il team italiano può essere il riferimento della griglia 2022.

Honda, troppa dipendenza da Marquez: annunciata una rivoluzione

MotoGP, l’opinione di Petrucci su Bagnaia

Danilo Petrucci in un’intervista ripresa da Gazzetta TV ha detto il suo pensiero sullo status di Bagnaia in vista del prossimo Mondiale MotoGP: “Penso possa partire come favorito, considerando il finale della scorsa stagione. Anche se Quartararo e Marquez saranno un bel problema. Ma anche Mir, Morbidelli e altri piloti forti. Pecco ha fatto progressi nella testa e nella guida, sa sfruttare i pregi della moto. L’aspetto negativo è proprio partire da favorito, è un problema che va gestito”.

Il pilota umbro non ha dubbi sul valore di Bagnaia e lo vede come il maggiore candidato al trionfo nel 2022, però ci sono alcuni fattori da considerare. Innanzitutto gli avversari, con il campione Fabio Quartararo e il rientrante Marc Marquez che saranno i primi a volergli mettere i bastoni tra le ruote. Poi c’è la pressione di essere il favorito, perché se non viene gestita bene può creare delle problematiche.

Pecco dovrà essere bravo a gestire tutto per il meglio e il team Ducati sarà fondamentale in questo, supportandolo nel modo giusto nel corso della stagione. C’è la grande possibilità di riportare il titolo piloti a Borgo Panigale e va sfruttata. Il digiuno dura dal 2007, anno nel trionfo a sorpresa di un talento incredibile come Casey Stoner.

Oltre a Bagnaia, anche il suo compagno Jack Miller vorrà essere della partita. E in casa Ducati pure i piloti del team satellite Pramac, Johann Zarco e Jorge Martin, auspicano di avere delle chance nonostante non corrano per la squadra factory. Ci sarà tanta lotta e più rider potrebbero ritrovarsi a contendersi lo scettro della MotoGP.