Dalla PlayStation alla F1? Ora si può: arriva il clamoroso annuncio in F2

Cem Bolukbasi disputerà la stagione 2022 di F2, e diventa il primo sim driver ad avere un volante per un campionato reale. Il sogno è la F1.

Sogno F1, Formula 2 (GettyImages)
Formula 2 (GettyImages)

Grande novità per il campionato di Formula 2 targato 2022. Stamattina è arrivato l’annuncio dell’approdo di Cem Bolukbasi al team Charouz, che gli permetterà di debuttare nella serie propedeutica alla F1. Cosa c’è di tanto strano in questa notizia? Apparentemente nulla, ma in realtà il turco è sempre stato un sim driver, ovvero specializzato nel mondo della playstation, che avrà la possibilità di gareggiare in dei circuiti veri.

Oltre a questo, si aggiunge il fatto che Bolukbasi sarà il primo driver turco a gareggiare in Formula 2. Il suo primo commento è stato: “Non riesco ancora a realizzare la grandezza di questa possibilità che mi è stata concessa. Durante i primi giorni mi sembrava davvero impossibile, ma ora dopo ora sto prendendo coscienza di quanto accadrà il prossimo anno. Per me è un sogno che si avvera, e voglio ringraziare tutti coloro che lo hanno reso possibile“.

Il driver turco aveva partecipato al campionato Esport di F1 nel 2017 e nel 2018, per poi passare al campionato europeo GT4 dove ha fatto il suo esordio in pista. Nella categoria PRO-AM ha ottenuto ben due vittorie, facendo esperienza anche negli anni successivi, accumulando tanti chilometri su un circuito vero e proprio.

Nel 2021 ha corso in monoposto, passando alla Formula 3 asiatica, ma anche in EuroFormula Open con il team Van Amersfoort Racing. In Ungheria ed in Spagna è riuscito a portare a casa ben due vittorie, chiudendo al quinto posto una stagione che ha fatto da crocevia per il suo futuro.

Hamilton, perché il numero 44? Il britannico svela il suo segreto

Formula 2, Bolukbasi e l’unico precedente in passato: sogno F1

Cem Bolukbasi potrà giocarsela con i talenti della Formula 2, categoria che recentemente ha lanciato piloti del calibro di Charles Leclerc, George Russell ed Oscar Piastri, appena laureatosi neo-campione della serie. Gareggiare in un campionato così competitivo non sarà facile per il turco.

Il suo debutto è già avvenuto nei test post-gara ad Abu Dhabi, dove era stato per l’ultima volta quattro anni fa: “Nel 2017 ero lì per correre la finale degli Esports, mentre questa volta ero in macchina per una sessione ufficiale di prove. Ero un bambino che ha vissuto un sogno di quasi una settimana, dal momento che mi sono potuto vedere la gara ed i test della F1, per poi saltare in macchina a mia volta“.

L’unico precedente riguardo un pilota della playstation che ha poi disputato gare importanti riguarda Lucas Ordóñez, spagnolo che è entrato nel mondo del motorsport professionistico dopo aver vinto un contest organizzato dalla Nissan sul videogioco “Gran Turismo 5“.

Che fine ha fatto Juan Pablo Montoya? Torna in pista con la McLaren

Il nativo di Madrid ha disputato diverse edizioni della 24 ore di Le Mans, entrando anche nel programma ufficiale della casa giapponese quando tentò l’assalto alla maratona francese nel 2015, in classe LMP1. Due anni prima vinse la classe PRO-AM del campionato Blancpain, continuando ad ottenere ottimi risultati nel mondo delle corse di durata. Un’esperienza che il nuovo arrivato nelle monoposto può prendere come esempio.