Alvaro Bautista sorpreso dalla Ducati: Razgatlioglu si deve preoccupare?

Trapela ottimismo dalle parole di Bautista sulla Ducati Panigale V4 R, riprovata a Jerez a dicembre dopo due annate sulla Honda CBR1000RR-R Fireblade.

Alvaro Bautista
Alvaro Bautista (foto Getty Images)

Uno dei temi di interesse del Mondiale Superbike 2022 è senza dubbio il ritorno di Alvaro Bautista in Ducati. Dopo due anni sotto le aspettative in Honda, spera di poter tornare a lottare per il titolo.

Nel 2019 sorprese tutti all’esordio in SBK sulla Panigale V4 R, vincendo le prime undici gare consecutive del campionato. Un debutto shock che sembrava poi destinato a portarlo a vincere la corona iridata, invece una serie incredibile di cadute favorì la rimonta e il successo di Jonathan Rea con la Kawasaki. Bautista spera di prendersi una rivincita.

Jonathan Rea, dopo il KO con Razgatlioglu si consola con un altro titolo

Superbike, Bautista fiducioso sul ritorno in Ducati

Bautista è risalito sulla Panigale V4 R a fine novembre in un test a Jerez de la Frontera. I tempi sono stati subito interessanti. Nonostante i due anni passati su una moto parecchio diversa come la Honda CBR1000RR-R Fireblade, lo spagnolo non ci ha messo tanto a riadattarsi alla quattro cilindri bolognese.

Intervistato da Speedweek, il pilota 37enne ha spiegato quali sono state le sue sensazioni nel test disputato in Spagna: «Prima avevo un po’ di paura, non sapevo come mi sarei sentito dopo due stagioni su una moto completamente differente. Sono stato subito a mio agio, la mia impressione è stata più che eccellente. È stato come tornare a casa».

Alvaro in breve ha ritrovato il feeling positivo che aveva nel 2019, riuscendo a guidare come piace a lui. In Honda faticava a sfruttare il suo stile di guida, mentre con la Ducati è in grado di fare maggiormente la differenza. Il test a Jerez lo fa essere decisamente ottimista per in ottica futura.

Bautista ci ha tenuto a sottolineare che la Panigale V4 R è anche migliorata rispetto a quella che aveva guidato nel 2019: «Oggi la moto è più equilibrata. Due anni fa aveva caratteristiche molto positive, ma anche molto negative. I vantaggi sono stati mantenuti e ci sono stati miglioramenti per quanto concerne gli svantaggi. La moto è più semplice da guidare e non possiede più punti deboli».

Ovviamente è molto presto per cantare vittoria, non basta certamente un test per emettere sentenze, però il pilota spagnolo ha avuto buone sensazioni in sella e dalle sue parole si evince grande ottimismo in vista dell’inizio della stagione Superbike 2022.

Il campionato partirà nel weekend 8-10 aprile ad Aragon, in Spagna. Prima i team affronteranno i consueti test di preparazione con l’obiettivo di presentarsi al meglio al via. Alvaro e Ducati puntano al colpo grosso, riportando il titolo SBK a Borgo Panigale a distanza di undici anni dall’ultima volta.