Casey Stoner torna in MotoGP? “Mi piacerebbe farlo”

Stoner per il suo futuro non esclude completamente la possibilità di tornare in MotoGP. C’è un’idea che lo stimola, ma anche un “ostacolo”.

Casey Stoner
Casey Stoner (foto Getty Images)

È stato bello rivedere Casey Stoner nel paddock della MotoGP nel finale dell’ultimo campionato. È stato presente sia a Portimao che a Valencia.

La sua presenza nel box Ducati ha fatto riaffiorare i vecchi ricordi di quando l’australiano vinceva in sella alla Desmosedici GP. Nel 2007, al primo anno sulla rossa, vinse il titolo sorprendendo tutti. Sconfisse piloti più quotati come Valentino Rossi e Dani Pedrosa, giusto per fare due nomi… Un vero peccato il ritiro a fine 2012, dopo un biennio in Honda che gli aveva portato un altro mondiale.

Valentino Rossi, clamoroso colpo di scena: che disastro per il campione

MotoGP, Stoner futuro coach dei piloti Ducati?

Stoner a Portimao e Valencia ha dato dei consigli ai piloti Ducati ed è stato utile nonostante non corresse da tanti anni. Francesco Bagnaia e Jack Miller sono rimasti così soddisfatti del suo apporto da dire pubblicamente che lo vorrebbero come coach fisso. Al team ufficiale non dispiacerebbe affatto riaverlo con sé, però non è semplice.

Stoner stesso ha specificato che l’idea di fare da “mentore” dei piloti gli piace, ma c’è un aspetto di non poco conto a tenerlo ancora lontano dal paddock MotoGP: «È qualcosa che volevo fare al termine della mia carriera – riporta Motorsport-Total – ma non è così facile. Ho la mia famiglia in Australia e se viaggio devo lasciarla da sola per molto tempo».

Casey vive in Australia con la moglie Adriana e le sue due figlie. Fare il coach in MotoGP gli richiederebbe di stare lontano da casa per lungo tempo. Un tipo di vita che forse non vuole fare, nonostante la tentazione di tornare nel Motomondiale in un ruolo diverso.

Il due volte campione del mondo esclude di poterci essere solo per poche gare a svolgere la mansione di coach: «Per quanto mi piacerebbe farlo, non lo vorrei fare a metà. Se lo faccio, voglio farlo bene per aiutare qualcuno. Ho parlato con mia moglie e altre persone, mi piacerebbe farlo. Però è difficile. Credo che potrei dare molto, ho intuizioni uniche. So cosa serve per essere veloci».

Stoner gradirebbe rimettersi in gioco con una mansione diversa, sa che potrebbe dare un grande aiuto ai piloti con i suoi consigli. È stato un talento incredibile ed era capace di andare subito forte con pochi giri sulla pista. Capiva in fretta come sfruttare la moto e qual era il limite.

Magari tornare a fare qualcosa di stimolante lo aiuterebbe anche a risolvere o almeno mitigare i suoi noti problemi di stanchezza cronica. Chiaramente dovrà parlarne con la moglie per prendere una decisione. La famiglia è importantissima per Casey e allontanarsi da essa per diverso tempo non sarebbe semplice.