F1, Toto Wolff incorona la Ferrari: per lui sarà nella lotta mondiale

Il team principal della Mercedes, Toto Wolff, ritiene che a Maranello sia iniziato da tempo un lavoro mirato ad una rinascita tecnica.

Toto Wolff (LaPresse)
Toto Wolff (LaPresse)

La Rossa punta a tornare in vetta nel 2022 e per farlo c’è bisogno di indovinare un progetto vincente. Una banalità, sotto un certo punto di vista, ma dopo i proclami dell’apertura di un ciclo vincente e di una lotta mondiale, occorre presentare una vettura capace di mettere nelle condizioni Charles Leclerc e Carlos Sainz di andare forte sin da subito. Il mondiale 2022 scatterà il 20 marzo in Bahrain, ma prima le vetture si faranno ammirare in pista a febbraio nei test prestagionali sul circuito di Catalunya.

Nell’era ibrida della F1 è stato molto complicato per i team inseguitori riuscire a colmare il gap con la Mercedes. L’unica squadra ad esserci riuscita è stata la Red Bull Racing che nel 2021 ha conteso fino alla fine il titolo al team teutonico. Max Verstappen si è laureato campione nel mondo nel 2021 su una splendida RB16B, lottando punto a punto con Lewis Hamilton. Gli altri team sono stati spettatori dello show messo in scena dalle due squadre. La Ferrari non ha vinto neanche una corsa nel 2021, dopo la pessima stagione del 2020 con la SF1000.

La Rossa ha pagato, pesantemente, le conseguenze dell’accordo segreto siglato con la FIA circa la presunta irregolarità del motore della SF90. Da allora la Ferrari non ha più vinto un Gran Premio. Nel 2019 Charles Leclerc ha collezionato due trionfi, mentre l’ultimo nella storia del Cavallino rampante l’ha siglato Sebastian Vettel nella notte di Singapore. Sono trascorsi oltre due anni dall’evento e i tifosi hanno un bisogno disperato di rivedere il Cavallino lottare per le prime posizioni.

F1, Ferrari è crisi nera: un dato inquieta Mattia Binotto

La previsione di Toto Wolff sulla Ferrari

La Mercedes si è confermata per l’ottavo anno di fila la vettura migliore del lotto. Nel 2022 l’obiettivo del team teutonico è quello di continuare a vincere nei costruttori, ma riportando a Brackley anche lo scettro del titolo piloti. Per farlo stanno mettendo a punto una vettura che si confermi al top anche con il cambio regolamentare. Nel 2014 la casa tedesca aprì il ciclo più vincente della storia della Formula Uno. Da allora non ha mai perso. La Ferrari ha potuto solo ammirare le vittorie di Lewis Hamilton e della casa tedesca. L’ultima affermazione in classifica costruttori del Cavallino risale al lontano 2008.

In una intervista rilasciata a RacingNews365, Toto Wolff crede nelle potenzialità della Ferrari. Il team principal della Stella a tre punte ha dichiarato: “Saranno nel gruppo dei migliori il prossimo anno, sono una grande realtà e li vedo in grado di giocarsi qualcosa di importante quando si spegneranno i semafori. Loro hanno avuto molte più possibilità di sviluppo visti i risultati negativi del 2020, per cui è logico credere che si presenteranno con una vettura competitiva. Dobbiamo stare attenti anche ad altre squadre che faranno un bello step in avanti, la lotta sarà molto serrata“.

Ferrari, che fatica in F1: ma è prima in una speciale classifica

Tutti i fan della F1 sperano di poter rivivere i fasti del passato con una Rossa protagonista. Sainz e Leclerc fremono dalla voglia per dimostrare di poter lottare con i piloti migliori del lotto. In Mercedes ci saranno Lewis Hamilton e il giovane George Russell che prenderà il posto di Valtteri Bottas. Confermata la coppia Red Bull Racing con il campione del mondo Max Verstappen e Sergio Perez. Oltre alla scuderia italiana, anche tanti altri team sperano di essere della partita. Su tutti l’Alpine, l’Aston Martin e la McLaren.