Superbike, Jonathan Rea: “Razgatlioglu e Yamaha meritano il titolo”

Rea riconosce i meriti di Razgatlioglu e Yamaha nel Mondiale Superbike 2021, il loro successo non è casuale. Hanno fatto un lavoro egregio.

Rea Johnny
Jonathan Rea (foto Kawasaki Racing)

Finisce l’impero di Jonathan Rea nel Mondiale Superbike. Dopo sei anni, il pilota Kawasaki deve abdicare. È Toprak Razgatlioglu il nuovo campione.

Johnny nella giornata del suo rivale si è comunque preso la vittoria di Gara 1 in Indonesia. Gli ha reso leggermente meno dolce la festa. Sicuramente ci riproverà nel 2022 a tornare campione, quando dovrebbe disporre di una Ninja ZX-10RR con un motore più performante.

LEGGI ANCHE -> Superbike Indonesia, classifica Gara 1: Razgatlioglu campione del mondo

Superbike Indonesia: le parole di Rea

Brevi dichiarazioni per Rea nell’immediato post-gara al Mandalika International Street Circuit: «Il mio obiettivo era venire qui e cercare di vincere le gare, divertendomi. Abbiamo fatto un po’ di fatica, però oggi è la giornata di Toprak e del suo team. Hanno fatto un lavoro pazzesco, meritano il titolo e faccio loro le mie congratulazioni. Guardo a Gara 2 con fiducia, poi ci prepareremo alla prossima stagione».

Il pilota Kawasaki rende onore a Razgatlioglu e Yamaha per il successo in questo Mondiale Superbike 2021. Riconosce i meriti degli avversari, che alla fine sono stati più bravi di lui. Chiaramente spera che la casa di Akashi reagisca e gli permetta di essere più forte nella prossima stagione. Quest’anno Johnny ha mascherato alcuni difetti della Ninja ZX-10RR, a partire da quello riguardante il motore.