Ducati, il Mondiale costruttori non basta: Dall’Igna fissa l’obiettivo 2022

Dall’Igna ha parlato del trionfo Ducati nel campionato costruttori MotoGP 2021, ma anche della voglia di puntare a quello piloti nel 2022.

Dall Igna
Gigi Dall’Igna (©Getty Images)

Ducati ha vinto il titolo costruttori MotoGP un’altra volta e potrebbe aggiudicarsi anche quello per team con la sua squadra ufficiale. Ma il grande obiettivo rimane vincere la corona iridata piloti.

Solamente Casey Stoner è riuscito a trionfare con la casa di Borgo Panigale. Sono passati quattordici anni da quel 2007 incredibile del rider australiano, che sorprese tutti alla prima stagione in sella alla Desmosedici GP. Poi il marchio italiano non è più riuscito a ripetersi, né con Stoner né con altri piloti.

LEGGI ANCHE -> Dovizioso ammette: “Sono felice di finire la stagione”

Ducati, Dall’Igna ammette l’obiettivo 2022

Gigi Dall’Igna ai microfoni di Radio Sportiva ha commentato la conquista del secondo mondiale costruttori consecutivo, il terzo assoluto della Ducati in MotoGP: «Siamo felici, questo titolo è sempre importante per un’azienda come la nostra. Questo è stato più normale e regolare rispetto a quello del 2020, quindi maggiormente importante. Il merito è dei bravissimi piloti e della moto che si adatta a diversi stili di guida. Anno dopo anno abbiamo cercato di ridurre i difetti e ci manca ancora qualcosa, vogliamo ancora migliorare in inverno».

Nel 2021 niente titolo piloti MotoGP, ma il direttore generale Ducati è fiducioso in ottica 2022: «Quest’anno abbiamo cambiato tutta la line-up piloti, era difficile puntare al mondiale. Col senno di poi, però, ci siamo arrivati vicini. Usciamo rafforzati e convinti da questa stagione, possiamo essere protagonisti in tutte le gare e puntare dal prossimo anno al titolo più importante».

Dall Igna Gigi
Gigi Dall’Igna (©Getty Images)