Ruben Xaus carica Luca Marini: “A Misano con più certezze”

Misano sarà la gara di casa per Luca Marini che punta sui dati del primo round e dei due giorni di test per compiere un ulteriore step.

Luca Marini

Luca Marini approda a Misano Adriatico con un modesto bottino di 30 punti, ma c’è la chiara intenzione di chiudere nel miglior modo possibile questa sua prima stagione in MotoGP. Reduce dal 14° posto ottenuto ad Austin, sul tracciato di casa vuole rifarsi dopo l’opaca prestazione di Misano-1 (19esimo). Il rookie dello Sky VR46 Avintia può contare sulla mole di dati raccolti non solo nel primo week-end qui a Misano, ma anche sulla due giorni di test.

LEGGI ANCHE -> Tampone falsificato: espulso un meccanico della MotoGP

A Misano con più esperienza

In Texas aveva centrato la Q2, quindi Luca Marini punta a ripartire da quel buon feeling con la Ducati Desmosedici per poi migliorare sul passo gara. Sarà un Gran Premio davvero speciale, davanti al pubblico di casa che affollerà gli spalti con 35mila presenze. “Sono contento di tornare a Misano: il GP di casa è sempre speciale e poterci arrivare con una gara già alle spalle e una base da cui partire è positivo. Non è stato un weekend facile ad inizio settembre ma abbiamo potuto poi lavorare sodo nella due giorni di test che ha seguito la gara – sottolinea il fratello di Valentino Rossi -. Ripartiamo da qui per tornare nella scia dei più veloci”.

Cambieranno le condizioni del meteo, con la pioggia che potrebbe fare la sua comparsa per rimescolare le carte. Luca Marini ha dimostrato già di sapersi ben destreggiare sul bagnato e non sarà questo a frenarlo. Il team manager Ruben Xaus guarda con ottimismo alla prossima gara. “La affronta con più esperienza dopo un primo GP qui e una due giorni di test. Ci saranno meno dubbi e un agrande voglia di fare bene su un circuito davvero particolare dove è importantissimo riuscire a far girare bene la moto nei tornantini. L’obiettivo è partire subito veloce da venerdì per arrivare quanto più competitivi a domenica”.

Luca Marini (getty images)