I 110 anni di Nello Pagani, il primo campione del mondo in 125

Il primo vero campione italiano, Nello Pagani detiene dei record importanti. Fu anche uno dei primi a correre anche in Formula 1

Nello Pagani nel 1949 (Foto di Keystone/Hulton Archive/Getty Images)
Nello Pagani nel 1949 (Foto di Keystone/Hulton Archive/Getty Images)

Uno dei primi grandi piloti italiani che hanno trionfato in moto. Parliamo di Nello Pagani, che nella sua lunga carriera agonistica, iniziata nel 1928 e conclusa nel 1955, ha guidato sia le moto (Orione, Gilera, Mondial, MV Agusta) sia vetture da Formula 1 (Maserati), oltre a fuoristrada e speedway. Segno che la sua vita era legata a doppio filo alla velocità.

Gli esordio di Pagani e l’arrivo nel Motomondiale

Nacque l’11 ottobre 1911 a Milano Nello Pagani, che cominciò a correre nel 1927 in sella ad una Orione 125 a 2T in gare minori, poi nel ’30 e ’31 passò ad una 175 vincendo le prime corse di velocità come la Circuito del Monferrato, di Gornate e la Cernobbio-Bisbino.

Nel 1933 arrivò il passaggio alla Miller Balsamo (marca milanese che montava un motore inglese Rudge) e con questa conquistò il primo dei suoi 5 titoli italiani. La Guerra d’Africa però portò Nello Pagani al fronte in quegli anni. Tornato in patria, nel 1937 venne chiamato nella scuderia Moto Guzzi ed è proprio con le 250 dell’Aquila che cominciò ad inanellare una serie di vittorie, guadagnandosi il titolo italiano sia nel 1937 che nel 1938.

Un’ascesa importante, interrotta però dal secondo conflitto mondiale, ma al termine tornò alle corse. E fece il suo debutto nel Motomondiale nel 1949. E fu subito un trionfo. Primo nella 125 e secondo nella 500, con due vittorie all’attivo. Fu il vincitore del primo Gran Premio nella storia della classe 125, il Gran Premio della Svizzera del 3 luglio 1949.

I record di Nello e la doppietta sfiorata

Ma quello del primo trionfo in assoluto in 125 non è l’unico primato messo a segno da Nello Pagani. In occasione del Gran Premio d’Olanda corso il 9 luglio del 1949, oltre alla gara delle 125, vinse anche la gara della classe 500 con la Gilera, diventando non solo il primo italiano vincitore di un Gran Premio della classe regina ma anche il primo pilota della storia capace di realizzare una doppietta nella stessa giornata. Inoltre è anche il primo pilota italiano laureatosi campione della classe 125.

Pagani per poco mancò la doppietta iridata sfiorando il titolo della 500 che perse per un solo punto proprio nel 1949. E tutto per colpa di un difetto di interpretazione del regolamento. Infatti il titolo della classe regina di quel primo Campionato del Mondo fu una questione tra lui e Leslie Graham. A quest’ultimo venne assegnato un punto per il miglior giro realizzato in Svizzera. In verità, l’exploit era stato realizzato da Edward Frend che però non portò a termine la gara e pertanto la Federazione Internazionale assegnò il punto a Graham, autore del secondo giro più veloce. Diversa l’interpretazione sul fronte italiano dove si riteneva errata tale interpretazione del regolamento. Ma tant’è che quel punto fu decisivo per il titolo.

Pagani poi uno dei primi piloti a cimentarsi anche con le quattro ruote. Vinse la Temporada Argentina con la Maserati della squadra di Juan Manuel Fangio. Corse pure un Gran Premio di Formula 1, il 4 giugno del 1950 in Svizzera, con una Maserati della scuderia di Achille Varzi concludendo al settimo posto.

LEGGI ANCHE —> “La lezione di Valentino Rossi che mi ha cambiato la vita”: parla il biografo

Un Gp nell'annata 1949 (Foto di Fox Photos/Getty Images)
Un Gp nell’annata 1949 (Foto di Fox Photos/Getty Images)