Flamigni, il telemetrista scrive a Valentino Rossi: parole toccanti

Matteo Flamigni, telemetrista di Valentino Rossi per 18 anni, scrive una lettera al campione di Tavullia che chiuderà la carriera a Valencia.

Matteo Flamigni (getty images)

Valentino Rossi ha lasciato attonito il mondo dello sport con la conferenza stampa in Austria in cui ha annunciato l’addio alla MotoGP. Il suo telemetrista Matteo Flamigni ha scritto una lettera toccante sui social in cui ha riassunto la lunga avventura ai box al fianco del nove volte campione iridato. “Non posso fare a meno di pensarci perché questo significa che dal prossimo anno comincerà per entrambi un nuovo capitolo della nostra vita . Tu non correrai più in moto e io non sarò più il “telemetrista” di Valentino”.

18 anni insieme in giro per il mondo, a studiare i dati fino a notte fonda per limare decimi il giorno seguente. Il primo grande ricordo risale a Welkom 2004 e all’anno prima, quando Matteo Flamigni ha ricevuto la notizia che avrebbe lavorato al fianco di Valentino Rossi. “Era un pomeriggio di ottobre del 2003 a Phillip Island , in Australia. Faceva davvero molto freddo. Era già buio quando mi confermarono che le voci che si sentivano in giro erano vere e che l’anno successivo avresti corso per la Yamaha. E quando mi dissero che io sarei stato il tuo “telemetrista” l’emozione fu talmente grande che la sensazione del freddo pungente fu sostituita da una incontenibile emozione. Mi venne la pelle d’oca e non certo per la bassa temperatura”.

LEGGI ANCHE —> Petronas in grossi guai: scoppia la guerra ai vertici del team

Un’avventura durata 18 anni

Fino ad allora il pesarese era stato un avversario in tutte le categorie, “ma ero comunque già attratto da te, colpito dal tuo modo di correre, di interpretare le gare e per quel tuo “nuovo” modo , oramai imitatissimo, di festeggiare dopo ogni vittoria”. Insieme hanno vinto quattro mondiali, l’ultimo nel 2009. “L’arma vincente non è stato solo il tuo enorme talento, ma, soprattutto, la tua continua voglia di imparare, quella capacità di metterti sempre in gioco cercando di migliorare te stesso e il “pacchetto” a disposizione”.

Un talento innato che si rispecchia nel progetto dell’Academy VR46 in cui ha trasmesso la sua esperienza ai giovani che, seppure in uno sport individuale, continueranno a correre in suo nome. “Non mi sono mai sentito così orgoglioso come oggi – ha concluso il telemetrista Matteo Flamigni -. È stato un onore e un privilegio essere con te nella tua lunga e meravigliosa carriera!”.

Valentino Rossi in pista sulla Yamaha Petronas al Gran Premio delle Americhe di MotoGP 2021 ad Austin
Valentino Rossi in pista sulla Yamaha Petronas al Gran Premio delle Americhe di MotoGP 2021 ad Austin (Foto Dorna)