Valentino Rossi va giù duro: “La situazione è totalmente fuori controllo”

Anche Valentino Rossi interviene sull’incidente avvenuto in Moto3 e che ha coinvolto anche Migno: “Certe manovre sono potenzialmente un disastro”

Valentino Rossi in griglia ad Austin (Foto di Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Valentino Rossi in griglia ad Austin (Foto di Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Un weekend, quello di Austin, che ha rischiato seriamente di trasformarsi in tragedia, visto quanto successo durante la gara di Moto3. L’incidente che ha coinvolto Oncu, Alcoba, Acosta e Migno poteva avere risultati nefasti e solo il caso ha evitato che qualcuno si facesse male. E a intervenire sulla vicenda, dopo la penalità rimediata da Oncu, è stato anche Valentino Rossi.

Per Valentino Rossi una situazione “fuori controllo”

Oncu penalizzato per due GP? Per me la penalità è giusta, è la penalizzazione minima, la situazione è totalmente fuori controllo”, ha affermato il Dottore. “Ha fatto una manovra pericolosissima, è andata veramente bene: è giusto che stia a casa, che non corra per due GP. Le gare di moto sono troppo pericolose per mancare di rispetto ai tuoi avversari, questo conta più di guadagnare una posizione: certe manovre sono potenzialmente un disastro”.

Rossi però non mette sotto accusa solo i piloti ma anche la direzione gara per le scelte effettuate nel corso della gara: “Per me è stato sbagliato fare ripartire una gara di cinque giri, è come una roulette russa. E’ stato sbagliato farli ripartire per una gara così breve, troppo pericoloso. Dovevano cercare di spostare Salac più rapidamente; già questi sono fuori controllo, figurarsi in una gara di cinque giri”.

Penalizzazioni dure a chi sbaglia

Ormai è da diverso tempo che si vedono incidenti nelle categorie minori. E per Rossi era inevitabile che si facesse qualcosa, anche per evitare in futuro episodi simili: “Il problema è che sono completamente matti, sono troppo aggressivi, gli insegnano da piccoli a essere molto aggressivi -ha detto il campione di Tavullia -. Potenzialmente si potevano fare male tutti: sono dei matti, bisogna fare qualcosa, lo diciamo da tempo che non si può cambiare traiettoria in rettilineo”.

Quindi penalità giusta. E questo deve essere il metro da ora in avanti: “Vanno lasciati a casa. Due GP è una penalità giusta: la volta prossima non lo fa più, o almeno ci pensa. Se stai a casa sul divano a guardare la tele, poi ci pensi. I piloti pericolosi – ha concluso Rossi -sono sempre gli stessi, i marshall dovrebbero puntare su questo: adesso due gare, se lo rifai, cinque GP. E così via”.

LEGGI ANCHE —> Bagnaia alza bandiera bianca: “Più di questo non potevo fare”

L'immagine dell'incidente in Moto3 (Foto Twitter)
L’immagine dell’incidente in Moto3 (Foto Twitter)