Johann Zarco, voglia di rivalsa: “Mai cercato scuse per i miei risultati”

Ad Austin, Zarco torna dopo l’operazione al braccio: “Sono contento e sorpreso di come ho recuperato. Adesso bisognerà provare sulla moto qual è la reazione”

Zarco durante la conferenza stampa (Foto di Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Zarco durante la conferenza stampa (Foto di Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Dal secondo posto al quarto nel giro di pochi GP, da rivale di Fabio Quartararo a semplice outsider. E’ cambiato velocemente il destino di Johann Zarco in questa fase di campionato MotoGP. Ma ad Austin vuole dare una sterzata decisa.

Zarco in ripresa dopo l’operazione

Il francese non vede l’ora di recuperare dall’intervento al braccio, ma anche riprendere a ottenere risultati importanti, visto che è dal secondo GP in Austria che manca un colpo importante. “Mi sento bene, ho una buona energia, ho recuperato velocemente dopo l’operazione – ha ammesso Zarco -. Sono contento e sorpreso di come ho recuperato. Adesso bisognerà provare sulla moto qual è la reazione, ma la sensazione è molto positiva, non ho dolore”.

Di sicuro però il transalpino ha preparato bene questa trasferta americana: “Al momento è tutto ok, Sono potuto arrivare qui un giorno prima per adattarmi meglio al ‘jet lag’. Il corpo è pronto, vediamo com’è il tracciato: ci sono dei pezzi nuovi, ma dobbiamo essere competitivi come in ogni GP. Credo che sarà una gara positiva per noi”.

Risultati non all’altezza

Zarco comunque arriva in Texas dopo test che gli hanno davvero poche sensazioni positive, per vari motivi: “Ho provato alcune cose e ho dato il mio commento, ma dopo una domenica difficile non avevo il feeling giusto per ‘giocare’ sulla moto, sul telaio e sulla messa a punto. Però è stato un test positivo, ho cercato di guidare bene e nel pomeriggio ho fatto un po’ di prove”.

Per un finale di stagione all’altezza infatti il pilota della Ducati Pramac ha bisogno di una mano anche dalla fabbrica. Ma alla fine Zarco non giustifica gli ultimi risultati negativo solo con la condizione fisica deficitaria: “Non ho mai cercato scuse per i miei cattivi risultati, ma è chiaro che nelle ultime gare avevo bisogno di qualcosa, è stato un po’ complicato. E anche il corpo non mi seguiva al 100%, anch’io ho avuto qualche dubbio, vediamo se riesco ad avere l’energia giusta per poter fare bene”.

LEGGI ANCHE —> Quartararo individua un problema ad Austin: “Non sarà facile”

Johann Zarco (Foto di Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Johann Zarco (Foto di Mirco Lazzari gp/Getty Images)