Ferrari, ora serve una svolta: in arrivo un motore totalmente rinnovato

La Ferrari ha bisogno di aumentare la potenza del suo motore. E a Maranello è in corso di sviluppo un aggiornamento totale

Charles Leclerc ai box del Gran Premio d'Italia di F1 2021 a Monza
Charles Leclerc ai box del Gran Premio d’Italia di F1 2021 a Monza (Foto Ferrari)

Un’altra occasione persa, per di più a domicilio. Il rammarico dei tifosi della Ferrari dopo il Gran Premio d’Italia è palpabile: nonostante i due piloti di punta Max Verstappen e Lewis Hamilton si siano fatti fuori da soli, infatti, la Rossa padrona di casa non è riuscita ad approfittarne.

E mentre la diretta rivale McLaren ha incassato una doppietta, il Cavallino rampante ha chiuso addirittura fuori dal podio. Colpa di un motore ancora pesantemente deficitario sul fronte della potenza rispetto a quelli avversari: un ritardo che il team principal Mattia Binotto ha stimato in ben venti cavalli.

Ferrari lavora su un motore rivoluzionato

Inevitabile che, su un circuito superveloce come quello di Monza, questo divario si facesse sentire più che in ogni altra pista. Ma la situazione a Maranello potrebbe essere sul punto di cambiare: grazie ad un importante aggiornamento al propulsore che la Ferrari sta portando avanti dietro le quinte. E che intende far debuttare già sul finale di campionato.

“Stiamo lavorando molto sodo per averlo pronto il prima possibile”, ha promesso l’ingegnere italo-svizzero. “Si tratta di un cambiamento della tecnologia sul lato ibrido. Per introdurlo dobbiamo prima trasportare i materiali che, essendo molto pericolosi, hanno bisogno di un’omologazione e di una certificazione formale. Ma cercheremo di accelerare questo processo il più possibile, perché crediamo che farlo girare già in questa stagione ci permetterà di prepararci al meglio per la prossima. Speriamo che vedrà la luce nelle prossime gare, molto presto”.

Leclerc vuole un salto di qualità

In questa innovazione tecnologica confidano anche i piloti, perché è stato lo stesso Charles Leclerc, dopo la tappa tricolore del Mondiale, ad ammettere che la sua squadra non è attualmente all’altezza di lottare con i top team.

“Sono arrivato quarto, ma si è trattato di una delle mie migliori prestazioni in Formula 1“, ha commentato dopo la gara. “Ovviamente i tifosi non sono soddisfatti del quarto posto, ma se guardiamo a che punto siamo ora e dove ci trovavamo l’anno scorso, si tratta di un grosso passo in avanti. Non siamo ancora al punto in cui vorremmo essere, ma dobbiamo ammettere di avere compiuto grandi progressi”.

Mattia Binotto a Monza
Mattia Binotto a Monza (Foto Ferrari)

LEGGI ANCHE —> Binotto ammette il deficit Ferrari: “Ci mancano 20 cavalli”