Valentino Rossi nomina i suoi eredi: “Per chi farò il tifo dopo il mio ritiro”

Valentino Rossi è pronto a cedere il suo testimone e ha già individuato i piloti a cui affidare la sua eredità dal prossimo anno

Valentino Rossi
Valentino Rossi (Foto Dorna)

Ormai lo sappiamo tutti fin troppo bene: Valentino Rossi abbandonerà la MotoGP alla fine di questa stagione, tra solo cinque Gran Premi. Ma la sua eredità non smetterà di essere presente sulla griglia di partenza.

Il Dottore lascerà infatti il pubblico, italiano e non solo, che lo ha seguito con affetto in questo oltre quarto di secolo trascorso nel Motomondiale in buone mani. Ci sono dei successori già molto pronti per raccogliere dalle sue mani il testimone e portarlo avanti anche nelle prossime stagioni della classe regina.

Stiamo parlando dei suoi allievi della VR46 Riders Academy, quei giovani piloti italiani che lui stesso ha contribuito a scoprire, ad allevare, a svezzare e poi a lanciare nel motociclismo che conta. E che ormai hanno superato il maestro, come dimostrano i loro ultimi risultati.

Primi tra tutti Pecco Bagnaia e Franco Morbidelli, che nel 2022 saranno entrambi piloti ufficiali. Il fenomeno di Tavullia ha preannunciato che, una volta appeso il casco al chiodo e dismessa la tuta, è pronto a vestire anche lui i panni del tifoso, e a dare tutto il supporto di cui è capace ai suoi eredi.

“Siamo tutti molto contenti e orgogliosi, il merito per essere arrivati dove sono però è loro, sono artefici del proprio destino”, ha dichiarato il nove volte iridato nel corso della conferenza stampa dopo il Gran Premio di Aragon. “Smetto con la consapevolezza che loro sono tra i piloti più forti dello schieramento, uno su Yamaha e l’altro su una Ducati. Sarà ancora più bello seguirli e fare il tifo per loro”.

Franco Morbidelli tornerà in MotoGP, dopo la lunga convalescenza per l’operazione al ginocchio, proprio domenica al suo GP di casa (e quello di Valentino Rossi) a Misano. Pecco Bagnaia, invece, è reduce dalla sua prima vittoria in carriera nella categoria superiore, al Motorland di Alcaniz. Ottenuta anche grazie ai consigli del numero 46, come lui stesso ha riconosciuto. È proprio il caso di dire che il loro mentore ha fatto un buon lavoro.

Valentino Rossi (Foto Dorna)
Valentino Rossi (Foto Dorna)

LEGGI ANCHE —> Bagnaia ringrazia Valentino Rossi: “Ho vinto anche per un suo consiglio”