Red Bull, il viaggio di Verstappen per Monza parte da Palermo (VIDEO)

La Red Bull dedica un omaggio all’Italia nella settimana del Gran Premio di Monza, in particolare alla città di Palermo

Max Verstappen al mercato di Ballarò a Palermo
Max Verstappen al mercato di Ballarò a Palermo (Foto Red Bull)

In preparazione per il Gran Premio d’Italia, in programma in questo fine settimana, la Red Bull dedica un bell’omaggio al nostro Paese. In particolare, al capoluogo della Sicilia, protagonista del videoclip “Ciao Palermo, Monza is calling”, pubblicato proprio oggi dalla scuderia dei Bibitari.

Le riprese mostrano Max Verstappen nell’inconfondibile mercato di Ballarò, il più antico della città, di corsa mentre si affanna a partire verso il circuito che ospiterà la gara di questo weekend. Così, con addosso la sua tuta, raggiunge la sua vettura e parte rombando tra i vicoli della città vecchia.

La monoposto attraversa i luoghi più rappresentativi e caratteristici della città, da Villa Bonanno a via Vittorio Emanuele, dai Quattro Canti a Porta Felice, dal Foro Italico alla Cala, dal parco della Favorita alla spiaggia di Mondello. Una raccolta di cartoline mozzafiato di Palermo, che si conclude con un’incredibile sorpresa finale nella partenza verso l’Autodromo nazionale.

Commenta il sindaco Leoluca Orlando: “Il video della Red Bull rappresenta una grande occasione di promozione internazionale della città, che conferma, ancora una volta, la sua grande attrattiva conquistata negli anni e che, proprio negli ultimi mesi, sta riacquisendo vigore nel rispetto fondamentale del diritto alla salute. Ho seguito le riprese tra le strade, le piazze, i mercati e il mare di Palermo con emozione, consapevole dell’importante cambiamento culturale di Palermo e del fatto che milioni di persone, in tutto il mondo, guarderanno il video apprezzando così le bellezze di una città sempre più turistica, aperta, internazionale”.

Max Verstappen a Palermo
Max Verstappen a Palermo (Foto Red Bull)

LEGGI ANCHE —> Il GP di Monza non accende la passione: la vendita dei biglietti è un flop