Crutchlow, quante gare correrà in Yamaha? Lui: “Io so già tutto”

Crutchlow è tornato in pista in sella alla Yamaha. Resta il mistero per quanto riguarda il numero di gare che disputerà in questo 2021.

Cal Crutchlow (GettyImages)
Cal Crutchlow (GettyImages)

Cal Crutchlow dopo una carriera importante ha deciso di ritirarsi dalla MotoGP alla fine della passata stagione. Ha accettato però un impiego all’interno della Yamaha come collaudatore. A causa della rottura tra il team di Iwata e Vinales però il britannico è stato richiamato addirittura nel team ufficiale per affiancare Fabio Quartararo.

C’è da capire a questo punto quante gare farà con la squadra e se magari verrà sostituito da Franco Morbidelli quando quest’ultimo sarà finalmente arruolabile. A quel punto poi bisognerà capire se i servigi del britannico serviranno sino a fine stagione nel Team Petronas però.

Crutchlow non vede l’ora di correre nella sua Silverstone

Durante la conferenza stampa Cal Crutchlow ha così commentato il suo ritorno in pista: “Non avrei mai pensato di tornare a correre un GP dopo l’anno scorso. Tornare con la Yamaha è meraviglioso ed è un privilegio, ancora di più per il fatto che abbiamo il pubblico. In Austria non è stato facile visto che non correvo da tanto. Vediamo però qui cosa riuscirò a fare. Non è andata troppo male nell’ultima gara, penso di aver fatto il mio lavoro e mi sono divertito. Sicuramente Silverstone è un buon tracciato visto che conosco ogni angolo di questo tracciato”.

Il pilota britannico ha poi proseguito: “Sicuramente Silverstone è un circuito per piloti. Qui sono importanti anche le irregolarità del tracciato. In Austria ho fatto degli errori perché era tanto che non guidavo, però sono riuscito a fare il mio lavoro. Qui la storia sarà diversa e cercherò di divertirmi”.

LEGGI ANCHE >>> Mir e quella vittoria che manca da troppo tempo: “Ecco perché ci serve”

Infine Cal Crutchlow ha così concluso: “So quante gare farò, ma non ve lo dirò. Sono qui per correre questo weekend ed è un bella cosa. Sono sicuro che la direzione per la moto 2022 sarà più mirata rispetto al 2021. Tutto quello che posso dare a Fabio cercherò di darglielo. Vediamo come andrà il weekend”.

Antonio Russo

Cal Crutchlow (getty images)