Verstappen-Hamilton, scordatevi la tregua: “I rapporti sono chiusi”

Il plenipotenziario della Red Bull, Helmut Marko, rivela che il suo pilota Max Verstappen ha chiuso definitivamente la porta a Lewis Hamilton

Lewis Hamilton e Max Verstappen
Lewis Hamilton e Max Verstappen (Foto Mark Sutton – Pool/Getty Images/Red Bull)

La corda, tanto a lungo tirata, alla fine si è rotta. E, ora ricomporla è impossibile. Lewis Hamilton e Max Verstappen hanno definitivamente disseppellito l’ascia di guerra. L’inimicizia tra i due piloti che si contendono il titolo mondiale di Formula 1 è dichiarata.

A far esplodere un conflitto che fino a quel momento si limitava ad ardere sotto la cenere delle dichiarazioni di circostanza, improntate al rispetto reciproco, è stato il contatto ravvicinato al Gran Premio di Gran Bretagna. Quello con cui il campione in carica ha buttato fuori gara senza troppi complimenti il suo sfidante, prima di andarla a vincere, quella corsa.

Per l’olandese, è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Ora i rapporti con il suo avversario della Mercedes sono ufficialmente rotti, e non c’è nulla che si potrà fare perché si giunga ad una pace. Sarà duello diretto, fino alla fine. Finché la matematica decreterà il nuovo iridato.

Nessun armistizio tra Verstappen e Hamilton

A preannunciarlo è Helmut Marko, plenipotenziario della Red Bull, infuriato con la Freccia nera almeno tanto quanto il suo pilota. Ancor più perché, dopo Silverstone, ci si è messo il compagno di Hamilton, Valtteri Bottas, a giocare all’autoscontro con le due Lattine in Ungheria.

“Bisogna guardare avanti e concentrarsi sulle prossime gare, ma il rapporto tra Max e Lewis è chiuso”, ha tagliato i ponti Marko in un’intervista rilasciata al sito NewstalkZb. “Peraltro sono due weekend di fila che una Mercedes ci fa fuori. Per questo motivo abbiamo perso la testa della classifica, sia quella dei piloti che quella dei costruttori. Ed è un grosso fastidio”.

Il livello di tensione nel box dei Bibitari ha rotto il tetto: “Domenica ero furibondo, anzi di più”, ammette Marko. “Un altro pilota Mercedes ci ha eliminato tutte e due le macchine, e il danno a quella di Perez è stato enorme. Ha distrutto il motore. Max invece è riuscito a restare in gara, ma la monoposto non era più competitiva”.

Il plenipotenziario della Red Bull, Helmut Marko
Il plenipotenziario della Red Bull, Helmut Marko (Foto Dan Istitene – Formula 1/Formula 1 via Getty Images)

LEGGI ANCHE —> Alonso attacca la stampa inglese: “Troppo a favore di Hamilton”