Quartararo, podio che vale come una vittoria: svelato il suo segreto

Quartararo al settimo cielo per essere salito sul podio nel GP di Stiria, corso su una pista poco amica della Yamaha. Svela una cosa importante.

Fabio Quartararo
Fabio Quartararo (Getty Images)

Sulla carta il GP di Stiria doveva essere molto difficile per Yamaha, ma Fabio Quartararo se l’è cavata alla grande. Il terzo posto ottenuto oggi vale quasi come una vittoria.

Non è un segreto che i rettilinei del Red Bull Ring siano poco amici della M1, moto che fatica tanto sul dritto. Eppure, il pilota francese è riuscito a mettere in pista un’altra grande prestazione a Spielberg. Ha guadagnato punti su tutti i rivali, tranne Joan Mir. Il pilota Suzuki, arrivato secondo, ha ridotto di 4 la distanza nella classifica generale dominata dal francese a quota 172. Il primo inseguitore è Johann Zarco, distante 40 lunghezze.

LEGGI ANCHE -> Espargarò-Marquez, è guerra: “Nessuno lo punisce”. Il pilota Honda risponde

MotoGP Stiria, Quartararo commenta la sua gara

Quartararo al termine della corsa in Austria si è detto molto soddisfatto del risultato ottenuto oggi: «Sono molto felice, il mio ritmo era davvero buono. È stata una gara lunga, ma sono rimasto concentrato e ho fatto del mio meglio. Ci è chiaro cosa migliorare per il nostro weekend. A volte è difficile far rimanere performante la gomma posteriore, dobbiamo lavorarci. Serve lavorare anche sullo stile di guida e sulla moto».

Il pilota Yamaha è contento, però auspica di fare altri progressi in vista del prossimo fine settimana di gara che sarà nuovamente al Red Bull Ring. C’è fiducia dopo aver visto come è andata oggi: «Siamo stati molto veloci – ha detto – e avevo un buon feeling. Non serve impazzire sulla ricerca del setup. In gara ho provato alcune cose che hanno funzionato bene. Speriamo di riuscire a fare qualcosa di buono anche nel prossimo weekend. Sarei felice se riuscissi a mantenere questa posizione».

Durante le prove libere Quartararo sembrava fare un po’ di fatica in curva 3, però in gara quello è sembrato essere invece un suo punto di forza: «È una curva difficile. Ho fatto uno step, ma abbiamo trovato anche qualcosa di molto buono sulla moto. Grazie a questo passo avanti ho potuto lottare per il podio oggi. La squadra ha trovato qualcosa di grande».

Un grosso miglioramento fatto dal team Monster Energy Yamaha, unito alla sua abilità di guida, ha permesso a Fabio di ottenere un grande piazzamento a Spielberg.

Fabio Quartararo
Fabio Quartararo (Getty Images)