La Ferrari inaugura il suo ristorante. E Leclerc fissa un obiettivo chiaro

Grande festa a Maranello per la riapertura dello storico ristorante Il Cavallino. Presenti i piloti Ferrari storici e attuali.

Charles Leclerc, Carlos Sainz e Massimo Bottura al ristorante Il Cavallino
Charles Leclerc, Carlos Sainz e Massimo Bottura al ristorante Il Cavallino (Foto Ferrari)

C’era tutta la crème della crème della Ferrari di oggi e di ieri questo martedì a Maranello. In occasione dell’inaugurazione, o meglio della riapertura, dello storico ristorante Il Cavallino rilevato dallo chef stellato Massimo Bottura.

Jody Scheckter,  René Arnoux, Arturo Merzario, Jacky Ickx, Giacarlo Fisichella, il figlio del Drake Piero, il Presidente John Elkann e l’attuale coppia di driver Sainz e Leclerc, sono alcuni dei nomi eccellenti che hanno partecipato alla festa.

E proprio a proposito di Charles, sarà per l’euforia del convivio, ma intercettato da Sky Sport ha espresso grande fiducia verso il progetto della Scuderia malgrado al momento non siano molte le ragioni per giubilare. “Sono sereno”, ha affermato. “C’è una buona sinergia con Carlos e assieme lavoriamo bene. Come squadra stiamo spingendo, per cui resto ottimista”.

Una positività, quella mostrata dal monegasco, applicata al futuro e al presente, compreso al GP di Silverstone in programma questo fine settimana. “Siamo sulla strada giusta”, ha detto. “Il podio mi manca da tanto tempo. E’ forse un obiettivo elevato per adesso, ma non si può mai sapere. Proverò a cogliere tutte le opportunità, anche perché il pubblico di nuovo sulle tribune sarà piuttosto motivante”.

Se l’attualità obbliga al basso profilo nonostante le giuste speranze, il 23enne non si nasconde parlando del campionato venturo quando le numerose novità tecniche potrebbero dare una mano importante per il recupero. “Il 2022 rappresenterà una buona chance per rilanciarci”, ha asserito.

Per la cronaca il glorioso locale che ha ospitato cene e pranzi importanti, aveva  riaperto le porte nel mese di giugno, precisamente il 15. Completamente rinnovato dopo mesi di chiusura, è stato affidato alla fantasia del noto architetto franco-iraniano India Mahdavi. La cucina resterà quella della tradizione modenese con un tocco di modernità.

LEGGI ANCHE —> Ferrari può finalmente festeggiare: Leclerc vince il primo trofeo dell’anno

L'insegna del ristorante Il Cavallino
L’insegna del ristorante Il Cavallino (Foto Ferrari)

Chiara Rainis