Dove andrà a finire Vinales? In lizza Aprilia, Ducati, Suzuki e Honda

Un’estate calda per Vinales, che ora cerca una nuova opportunità per il 2022. Solo Aprilia libera, ma le altre sono lì a guardare. E chissà che non si muovano

Maverick Vinales sulla Aprilia
Maverick Vinales sulla Aprilia (Fotomontaggio TuttoMotoriWeb.it)

La pausa estiva della MotoGP è iniziata subito dopo la notizia bomba ufficializzata in Yamaha della fine del rapporto (che avverrà a fine stagione) con Maverick Vinales. Una crisi quella tra la casa giapponese e lo spagnolo che era nata nelle ultime settimane ma che nessuno credeva potesse esplodere in questa maniera. Ora però ci si chiede cosa farà Vinales.

Vinales-Yamaha, rottura inevitabile

L’arrivo di Fabio Quartararo nel team ufficiale poteva creare frizioni all’interno del box Yamaha. Due galli nello stesso pollaio di solito fanno molto rumore. E se l’altro è un talento che non aspetta altro che emergere come Vinales, è inevitabile che questo accada. Non era però prevedibile una prima parte di stagione così sottotono per lo spagnolo, vincitore all’esordio ma che poi è andato incontro a una serie di delusioni importanti.

La rottura con Yamaha è arrivata così, inaspettata. tanto che gli stessi vertici della casa di Iwata non si aspettavano questa mossa dell’iberico. E, come ha spiegato il papà di Vinales, Angel, c’è stato anche il tentativo di ricucire lo strappo: “Hanno provato a farlo restare e lui ha spiegato che non si trattava di rimanere, ma di divertirsi e che questo non potevano darglielo. È stato onesto con sé stesso. C’è chi penserà che è stato pazzo e chi che è stato coraggioso. Ha una sua stabilità a casa con la famiglia, non può essere così felice in un posto e piangere poi nell’altro. Se ne va perché non è felice. Tornava a casa ed era scontento. Succede sempre qualcosa. I media lo hanno attaccato ed arriva un momento in cui esplodi e dici basta”.

Ora parte il toto-scuderia

Certo è che ora avere sul mercato uno del calibro di Vinales può davvero creare caos. In realtà però la scelta, stando gli accordi già in essere per la prossima stagione, sembra davvero “poca”.

Al momento solo il sedile dell’Aprilia sembra essere il più “alto” per lo spagnolo. La casa italiana infatti è da tempo che insegue Andrea Dovizioso, che però, stando alle ultime dichiarazioni di Aleix Espargaro, non ha mostrato entusiasmo per una moto ancora acerba.

Per il resto però aspettiamoci clamorosi sviluppi. Perché si la line-up di molte big è già chiusa per il prossimo anno, ma occhio a clamorosi divorzi. La Suzuki infatti valuta attentamente non tanto il futuro di Joan Mir ma quello di Alex Rins. E poi lo stesso Vinales non sarebbe dispiaciuto nel tornare in un team che già conosce bene.

Sempre molto attenti anche alle vicende in casa Honda, con Pol Espargaro che è l’indiziato numero uno per partire. Certo è che avere per il prossimo anno Marc Marquez e Vinales nello stesso team sarebbe davvero clamoroso. E poi c’è Ducati, dove il mancato rinnovo di Pecco Bagnaia sta facendo sorgere qualche dubbio. Che ci sia di mezzo anche lo spagnolo? Ormai però siamo entrati nel periodo caldo delle trattative. E a breve forse il mistero verrà svelato.

LEGGI ANCHE —> Vinales in Yamaha: doveva essere l’anti Marquez, la scommessa è fallita

Maverick Vinales in pista sulla Yamaha nel Gran Premio di Francia di MotoGP 2021 a Le Mans
Maverick Vinales in pista sulla Yamaha nel Gran Premio di Francia di MotoGP 2021 a Le Mans (Foto Dorna)