Superbike, così Yamaha ha convinto Razgatlioglu a rinnovare

Dosoli commenta con soddisfazione il rinnovo di Razgatlioglu con Yamaha. Un’operazione importante per la casa di Iwata nel Mondiale Superbike.

Toprak Razgatlioglu
Toprak Razgatlioglu (Getty Images)

Com’è noto da giorni, Toprak Razgatlioglu non approderà in MotoGP nel 2020. Ancora per due anni correrà nel Mondiale Superbike assieme alla Yamaha.

Il rinnovo biennale del contratto dimostra quanto la casa di Iwata creda nel pilota e quanto quest’ultimo abbia fiducia nel progetto. Adesso il turco è in testa alla classifica generale SBK e ovviamente sogna di vincere il titolo, interrompendo così il dominio che Jonathan Rea ha esercitato per sei anni nel campionato.

LEGGI ANCHE -> Jonathan Rea, clamorosa ipotesi MotoGP per il 2022: un team ci pensa

Superbike, Dosoli parla di Razgatlioglu

Andrea Dosoli, road racing manager di Yamaha, ha parlato a Speedweek del rinnovo di contratto di Razgatlioglu: «Siamo stati in grado di prolungare il suo contratto più velocemente del previsto. Nell’ultimo anno e mezzo abbiamo capito di cosa ha bisogno e come può ottenere il meglio dalla R1. Quest’anno le prestazioni sono buone. Abbiamo una moto buona per le sue esigenze. Si tratta della migliore stagione da quando siamo tornati con un team ufficiale nel 2016. È logico che le parti vogliano continuare a lavorare insieme».

Oltre ad avere dei buoni argomenti economici, in Yamaha hanno convinto Razgatlioglu anche dandogli garanzie tecniche importanti. Il pilota è stato accontentato in quelle che erano le sue richieste e questo per lui è fondamentale. Ha una squadra che risponde ai suoi feedback, l’ambiente ideale per fare risultati e crescere.

Dosoli conferma la volontà di prolungare quanto prima pure gli accordi con Garrett Gerloff, Andrea Locatelli e Kohta Nozane: «Aspetti solamente quando hai dei dubbi. Prima si firmano i contratti e meglio è. Poi possiamo concentrarci solamente sulle gare. Siamo contenti dei risultati di Gerloff, di come sta crescendo. È bello vedere che in SBK possiamo allenare piloti ritenuti interessanti per la MotoGP. Gli ultimi a fare il salto sono stati Petrucci e Morbidelli».

Razgatlioglu Sofuoglu
Toprak Razgatlioglu e Kenan Sofuoglu (foto WorldSBK)