“Rivedere Valentino Rossi sulla Ducati sarebbe romantico”, auspica il boss

Anche il direttore sportivo della Ducati, Paolo Ciabatti, fa il tifo per l’approdo di Valentino Rossi sulla Desmosedici del team VR46

Valentino Rossi ai tempi della Ducati
Valentino Rossi ai tempi della Ducati (Foto Ducati)

C’è soddisfazione nelle parole del direttore sportivo della Ducati, Paolo Ciabatti, per la firma del contratto con la squadra di Valentino Rossi, la VR46, che dalla prossima stagione sarà uno dei team satellite di Borgo Panigale. L’annuncio è arrivato proprio alla vigilia di questo fine settimana del Gran Premio d’Olanda, ad Assen.

“È stata un’operazione per niente scontata, ma non complicata: con Uccio (Salucci, lo storico amico di Valentino Rossi e team principal della VR46, ndr) abbiamo iniziato a parlare in Qatar, è diventata velocemente un’idea concreta”, racconta il ds ai microfoni della Gazzetta dello Sport. “Per noi era un obiettivo, lo abbiamo raggiunto e siamo contenti. E abbiamo apprezzato le parole di Valentino verso il nostro approccio e metodo di lavoro”.

Valentino Rossi correrà con la Ducati VR46?

Resta da chiarire il nome dei due piloti che saliranno sulla Desmosedici di Tavullia. Uno sarà sicuramente il fratello del Dottore, Luca Marini. Ma sull’altra sella? O siederà Marco Bezzecchi, promosso dalla Moto2, oppure il nove volte campione del mondo in persona.
Come auspicano tutti i suoi tifosi, come si è augurato esplicitamente il principe saudita che rappresenta il principale sponsor della scuderia, e come spera lo stesso Ciabatti.

“È vero, non se n’è mai parlato”, conferma. “Le parole del principe sono quelle di tanti appassionati, per i quali sarebbe un sogno. Ducati sarebbe felicissima, però la scelta dei piloti spetta alla VR46 e, soprattutto, nel caso di Valentino è una scelta solo sua: non esclude una possibilità che però è molto, molto remota”.

Nonostante venga ritenuto improbabile che il numero 46 decida di prolungare ancora di un anno la sua carriera per correre con la Ducati che porta il suo marchio, però, a Bologna non perdono le speranze: “Penso che parli spesso con Pecco e suo fratello e, soprattutto, ci ha visto in pista”, conclude Ciabatti. “Immagino che si sia fatto un’idea. Magari non accade, ma romanticamente sarebbe bello. È una decisione che solo lui può prendere e che nessuno deve influenzare”.

Il direttore sportivo Paolo Ciabatti
Il direttore sportivo Paolo Ciabatti (Foto Ducati)

LEGGI ANCHE —> Ducati chiama Valentino Rossi: “Ci aiuterebbe”. Ecco la data dell’annuncio