Joan Mir: “Ecco cosa ci manca rispetto agli avversari”

Joan Mir chiede un ulteriore passo avanti nello sviluppo tecnico della sua Suzuki GSX-RR. E parla di Davide Brivio…

Joan Mir (foto Instagram)

Due podi nelle prime otto gare per il campione in carica Joan Mir, che ancora non riesce a dare l’assalto alla prima vittoria stagionale. Ma il maiorchino della Suzuki continua a mantenere alto il morale e la fiducia. Quinto in classifica a 46 punti da Fabio Quartararo, un anno fa era solo a 8 distanze dal francese della Yamaha.

Quest’anno corre in svantaggio a causa dell’holeshot anteriore e non il posteriore come il resto delle fabbriche. Non si crea aspettative alla vigilia di Assen. “Da qui cercheremo di lavorare e ottenere le migliori sensazioni che possiamo trovare e vedere se il pacchetto che abbiamo ci farà essere davvero dove vogliamo… Sono felice di guidare su questo circuito, è un posto bello e veloce. Sarà divertente. Non so cosa aspettarmi questa volta, perché al Sachsenring sarebbe dovuta andare bene e non ho trovato il buon feeling sulla moto, non era competitiva. Cercherò di fare una buona carriera qui e di andare in vacanza con il lavoro svolto”.

Il sistema holeshot anteriore – posteriore

Il circuito olandese si presenta con un nuovo manto di asfalto, Michelin porta quattro gomme all’anteriore e quattro al posteriore. A fare la differenza dovrebbe essere però il pacchetto tecnico della GSX-RR, che ancora non include il dispositivo holeshot di ultima generazione. “È più difficile essere su un piano di parità con gli altri se non hai certe cose. La moto che guidiamo è la stessa dell’anno scorso, una moto che ci ha permesso di vincere il Mondiale, ci ha permesso di lottare per il podio in ogni gara, per le vittorie, e ora tutti gli altri sono migliorati, anche loro hanno l’holeshot e noi siamo gli unici a non portarlo. Ciò significa che non siamo su un piano di parità, per il momento”.

In molti si chiedono se l’assenza di Davide Brivio non abbia il suo peso sui risultati poco soddisfacenti di questa stagione. “La verità è che sono soddisfatto di come stiamo, ho piena fiducia in Sahara, se crede che non sia necessario, dovremo credergli. Né significa che, poiché non abbiamo il tocco competitivo che avevamo l’anno scorso, il motivo è perché Davide se n’è andato… Non credo affatto che sia così”, ha concluso Joan Mir.

LEGGI ANCHE -> MotoGP, Morbidelli verrà operato al ginocchio: l’annuncio ufficiale

Joan Mir (getty images)