Johann Zarco: “I dati di Pecco Bagnaia sono interessanti”

Johann Zarco rimedia una caduta a Portimao dopo i due podi nelle prime due gare a Losail. Ma il francese è soddisfatto dell’inizio di stagione.

Johann Zarco
Johann Zarco (getty images)

Dopo il doppio week-end da brividi in Losail Johann Zarco deve frenare la sua corsa verso l’alto a Portimao. Una caduta a sei giri dalla fine gli ha negato la difesa della leadership, ma resta un ottimo inizio di stagione per il francese del team Pramac Racing, che approderà a Jerez al 4° posto in classifica piloti.

Bene nelle qualifiche in Portogallo, dove si è piazzato in prima fila al termine della Q2, dove ha persino rimediato una caduta. Lo zero di Portimao non fiacca il morale di Johann Zarco: “Non la vedo come una battuta d’arresto, perché sì, stiamo cavalcando un’onda buona, ma la velocità c’è ed è abbastanza buona, perché la velocità c’è quando ero comunque nei guai. Quindi, una volta che avrò meno difficoltà, significa che andrò ancora più veloce… Forse avrei finito sesto o settimo davanti a Marquez. Quindi alla fine sono 10 punti persi, che è molto ma non è drammatico. Succede”.

Telemetria e holeshot

Le alte temperature della domenica portoghese, superiori ai 40° C di asfalto. hanno creato dei problemi anche al francese che ha lamentato una mancanza di feeling all’anteriore della sua Ducati. Dopo le qualifiche ha provato a guardare anche ai dati di Pecco Bagnaia, che si è visto cancellare il giro da pole per una bandiera gialla. “Si, li guardiamo tutto il tempo. Facciamo un confronto tra piloti… li guardiamo perché ci sono sempre cose buone da imparare”.

Al vaglio del francese anche il nuovo dispositivo holeshot che viene utilizzato alla partenza e in alcuni settori del circuito. “Avevamo la possibilità di usarlo all’uscita della quattro, e penso che fosse soprattutto Miller che amava usarlo lì. Sul rettilineo penso che abbia servito bene. All’inizio penso di aver fatto una partenza decente e una volta lasciato andare la frizione sapevo che avrei preso il comando su Fabio. Rins è partito bene ma, essendo dentro, ho colto l’occasione per frenare a dovere per sorpassare”.

Leggi anche -> MotoGP, Alex Crivillé sicuro: “Marquez lotterà per il titolo”

Johann Zarco
Johann Zarco (getty images)